Scintille in pista tra Fenati e Manzi, follia ai 217 chilometri all'ora

Incredibile gesto antisportivo del marchigiano che gli costa una sanzione due gare di stop

Un incredibile gesto antisportivo quello che, al Misano World Circuit, ha visto protagonista il pilota marchigiano Romano Fenati. In pieno rettilineo, il centauro di Moto2 ha affiancato il rivale riminese Stefano Manzi per poi afferrare il freno anteriore della due ruote della Forward Racing Team e tirarlo. Un rischio incredibile arrivato dopo che, i due, hanno battagliato per tutta la gara a colpi di carenate. Manzi, nonostante il gesto, è riuscito a rimanere in sella alla sua Suter che viaggiava ai 217 chilometri all'ora (dati da telemetria) mentre, i commissari di gara, hanno esposto immediatamente la bandiera nera per Fenati che, il prossimo anno, potrebbe essere il compagno di box del riminese alla Mv. Nonostante la squalifica della gara, il marchigiano è poi andato ad esultare dopo la caduta di Manzi, avvenuta alla curva della Quercia.

La Direzione Gara ha decretato per Fenati lo stop per due Gran Premi e, il suo atteggiamento, è stato duramente condannato dagli altri piloti. Guai anche per Manzi con la retrocessione di 6 posizioni sulla griglia di partenza del prossimo Gp per guida irresponsabile. Dovizioso, Marquez e Crutchlow, in conferenza stampa dopo la MotoGp, hanno stigmatizzato il comportamento del marchigiano ricordandogli che, in sella alle moto, i piloti rischiano già la vita e non ha senso un simile atteggiamento. Lo stsso popolo del web si è scatenato per il raptus di Fenati tanto che l'account Facebook del pilota è stato rimosso anche se, al momento, non è chiaro se per una scelta dovuta alla marea di insulti arrivati sulla bacheca o per un problema tecnico visto che la pagina Instagram, ad esempio, è attiva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenta lo Snipers Team: "D’accordo, è imperdonabile. Un fallo da reazione grave, in mondovisione. Chiaro che, se è stato punito anche Manzi, un motivo ci sarà ma non è questa una giustificazione. Il team si dissocia da quanto espresso oggi dal suo pilota Moto2 e si scusa con il mondo dello sport per il pessimo esempio, con gli sponsor per l’immagine data, con i tifosi tutti per la delusione. A chi ci chiede che decisioni prenderemo, rispondiamo che non si devono mai prendere a caldo per subirne le conseguenze dopo. Intanto prendiamo atto della squalifica, per due gare, del nostro rider. Noi l’abbiamo controfirmata immediatamente. Ringraziamo la Direzione gara per il tatto e la professionalità con la quale ha affrontato la situazione. Ringraziamo il team Forward per come ha collaborato con noi per spegnere l’incendio e riportare quanto prima la serenità. Ironia della sorte, il team Forward sarà la nuova squadra di Romano dell’anno prossimo e abbiamo tutti la voglia di cancellare questo episodio in fretta. Detto questo, il pilota deve capire lo sbaglio è ripartire da lì, per costruire una nuova immagine e poter tornare a gareggiare a testa alta nel mondiale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Quelle strane coincidenze", Wuhan e Codogno vicini alla fiera del Sigep

  • Quattro pazienti in Rianimazione riprendono a respirare da soli: per loro si intravede la luce in fondo al tunnel

  • Si prendono gioco di polizia e quarantena: sesso a 3 in strada davanti al comando

  • Il ministro dell'Istruzione: "L'anno scolastico sarà valido"

  • Coronavirus, ecco i varchi d'accesso per la provincia di Rimini: sono in tutto 38 strade

  • "Se curva epidemiologica non si abbassa, entro le prossime 2 settimane servono ospedali da campo"

Torna su
RiminiToday è in caricamento