Dopo l'amputazione di una gamba torna a giocare: la storia della cestista Natasa Kovacevic

"Natasa Kovacevic insegna a tutti noi che dobbiamo avere la forza di reagire a qualsiasi cosa negativa che ci possa capitare". è il commento del presidente dei Crabs Luciano Capicchioni

Domenica, in occasione del match di serie B tra i granchi e Santarcangelo (inizio ore 18 al Palasport Flaminio), sarà ospite dei Crabs e di tutta la città di Rimini Natasa Kovacevic, attuale giocatrice della Stella Rossa Belgrado. La storia di Natasa, che che compirà 22 anni il prossimo 20 maggio e che ha già fatto parte della nazionale serba di pallacanestro, è di quelle cui sono destinate solo le campionesse speciali. Astro nascente del basket del suo Paese, nel corso della stagione disputata in Ungheria con la maglia del Gyor, è rimasta gravemente ferita in un tragico incidente stradale il 7 settembre 2013, dove persero la vita peraltro due persone, Peter Tapodi (dirigente) e Fuzy Akos (allenatore), mentre Natasa dovette subire un’amputazione alla gamba sinistra all’altezza del ginocchio.

Nonostante questo, con forza d'animo, coraggio e un cuore gigantesco, Natasa si è ripresa la propria carriera, abituandosi nella lunga riabilitazione a giocare con una protesi al posto della gamba e della caviglia, e mercoledì 11 novembre 2015 ha vinto la partita più importante della sua vita tornando in campo, in un match ufficiale tra atlete normodotate: con la Stella Rossa ha segnato infatti 5 punti in 15 minuti nel successo per 78-47 contro lo Student Nis. "Natasa Kovacevic insegna a tutti noi che dobbiamo avere la forza di reagire a qualsiasi cosa negativa che ci possa capitare". è il commento del presidente dei Crabs Luciano Capicchioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quella di Natasa è una di quelle storie straordinarie che il mondo dello sport è capace di offrirci – aggiunge l’assessore allo Sport del Comune di Rimini Gian Luca Brasini – è l’esempio di quali doti la disciplina sportiva sa e deve forgiare: la determinazione, il coraggio, la costanza e soprattutto la volontà di non arrendersi mai anche davanti a quegli ostacoli che paiono insuperabili”. Natasa sarà premiata durante l'intervallo del derby dal Comune di Rimini con una targa e da capitan Federico Tassinari, in rappresentanza del Basket Rimini, con un pallone autografato da tutta la squadra biancorossa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • Studentessa si accascia sull'autobus, ricoverata in condizioni critiche

  • Bimbo muore a nove anni, il sindaco: "Abbiamo perso tutti un pezzo di cuore, ci sarà il lutto cittadino"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento