Match senza storia: i Crabs fanno in un sol boccone il Cus Torino

Una vittoria che fa morale e che muove la classifica, con i biancorossi che tornano nel gruppo di squadre appaiate a quota 10, per una quinta posizione in condominio con Piombino, San Miniato e Cento

L’imperativo era vincere, e così è stato: la NTS fa un sol boccone del Cus Torino e ottiene i due punti dopo una partita senza storia, chiusa sul 85-58. Una vittoria che fa morale e che muove la classifica, con i biancorossi che tornano nel gruppo di squadre appaiate a quota 10, per una quinta posizione in condominio con Piombino, San Miniato e Cento, ma che dà anche ai Crabs la fiducia per affrontare al meglio la trasferta di Oleggio e i due derby di fila, in casa contro Forlì e al PalaAngels di Santarcangelo.

La NTS è aggressiva già dalle prime battute, e con un 3/3 dall’arco si porta sul 12-5 del 4’, ma Torino ricuce e sorpassa grazie ad un ispirato Orsini con un break di 0-9: Rimini fatica a scrollarsi di dosso i ragazzini piemontesi, che si portano sul 18 pari a 1’ dalla prima sirena, ma quando i biancorossi alzano l’intensità difensiva, recuperano due palloni di fila e piazzano un 7-0 firmato Perez e Chiera in poco più di 10’’, chiudendo quindi il primo periodo avanti 25-18. Due triple di un Romano decisamente in serata (chiuderà con un ottimo 5/6 dall’arco) scavano il primo solco degno di nota (31-21 al 13’), ma il Cus, dopo essere finito anche a -14, accorcia con il canestro e fallo di Chiotti sul 35-26, a cui risponde immediatamente la bomba di Romano. La NTS mantiene il vantaggio ma non affonda il colpo, anche se tiene gli ospiti sempre a distanza di sicurezza, e con la tripla di Meluzzi si va negli spogliatoi sul 48-34.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella ripresa la musica non cambia, Rimini ha in mano la gara, e con il canestro di Crotta il distacco inizia a farsi consistente (52-34 al 22’): con il risultato ormai in ghiaccio, la partita non ha praticamente più nulla da dire, e l’unica cosa che cambia è il massimo vantaggio registrato dai biancorossi, che con il gioco da tre punti di Chiera volano sul +20 (62-42). Mladenov ruota tutti gli uomini a sua disposizione, concedendo minuti anche a chi solitamente ne ha meno: la tripla di Chiera fa 75-52, poi il coach bulgaro schiera in campo il quintetto dell’under 20 biancorossa con Meluzzi, Balic, Perez, Chavdarov e Popov, chiamato a sostituire Foiera fermo ai box, per gli ultimi minuti di ‘garbage time’, che tengono il campo e aumentano il distacco fino al 85-58 finale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento