Martedì, 18 Maggio 2021
Sport

Per gli appassionati di cicloturismo, nasce a Rimini il “Team del Capitano”

Una nuova realtà ciclistica amatoriale con un ambizioso progetto etico e sportivo. Tutti contro il doping e una maggiore attenzione alla sicurezza ed educazione stradale

E’ ufficiale: Rimini e Romagna avranno nel 2015 un nuovo e ambizioso progetto sportivo legato al ciclismo amatoriale. Di recentissima formazione sorge infatti il Team del Capitano, una ASD  organizzata e gestita da Daniele Bertozzi -  per tutti “Il Capitano” – ex dilettante negli anni ottanta, che dopo numerose esperienze di successo nel settore, ha deciso di creare una squadra tutta sua con atleti di Rimini e dintorni.

Il Team del Capitano conterà una sessantina di iscritti, la maggior parte uomini, ma con punta di diamante la pluridecorata Maria Cristina Prati, ciclista over 40 di Cesenatico vice campionessa del mondo master nel 2014 con un palmares di tutto rispetto con numerose vittorie e importanti piazzamenti negli ultimi cinque anni. Nel TDC insieme a Cristina tanti ottimi corridori dai 30 ai 50 anni, tutti pronti ad affrontare una lunga stagione che inizierà a marzo per chiudersi a ottobre tra una lunga lista di Gran Fondo e appuntamenti: le tappe del Romagna Challenge, il Marche Marathon, il Prestigio con la “Selle Italia” di Cervia e la “Nove Colli” di Cesenatico, la “Sportful” di Feltre, la GF di Roma, la “Charly Gaul” del Monte Bondone (TN), le novità della Gran Fondo del Po (Ferrara) e degli “Squali” (Cattolica) e tante altre corse ancora.

“Prima di tutto vuole essere un bel gruppo di amici – commenta il “Deus ex Machina” del progetto TDC Daniele Bertozzi – in primis quello che vogliamo condividere tutti assieme è la passione per la bicicletta e il ciclismo, poi portare il nome di Rimini, della Romagna e la tradizione ciclistica del nostro territorio in giro per l’Italia e l’Europa”.

Il Team del Capitano all’atto di sua costituzione si è voluto dare un proprio codice etico-sportivo con rigide normative interne contro il doping che prevedono citazioni in sede legali e sanzioni fino a 10.000 euro. Inoltre ai soci-atleti sarà richiesto di mantenere un comportamento educato e corretto sia durante le competizioni sportive, che negli  allenamenti sulle nostre strade romagnole. “Per noi è molto importante impegnarci nel nostro piccolo nella battaglia alla piaga del doping nel ciclismo amatoriale e fare del nostro meglio per migliorare la coesistenza sulle strade tra noi pedalatori e il traffico degli automezzi. Ci stiamo infatti impegnando, anche per garantire la nostra incolumità, a circolare sulle strade nella maniera il più possibile ordinata, mantenendo la fila indiana sul lato destro della carreggiata e dove è possibile al massimo stare appaiati in coppie”.

Il Team del Capitano si renderà inoltre disponibile a ospitare in seno al gruppo durante le proprie uscite ciclistiche e Gran Fondo della zona, ciclisti ospiti in Romagna nelle vesti di turisti (soprattutto stranieri), ovvero fungere da gruppo di appoggio per pedalare sui migliori itinerari che offre il nostro entroterra in un territorio che sta sempre più manifestando la sua vocazione cicloturistica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per gli appassionati di cicloturismo, nasce a Rimini il “Team del Capitano”

RiminiToday è in caricamento