rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cronaca

Statale16 verso l'apertura dei cantieri, sarà un'Adriatica in assetto gimkana e con le ruspe su tre aree

Gli operai inizieranno dall'incrocio più a sud (via Montescudo), per poi raggiungere la Complanare. Tabella di marcia e il punto sulla viabilità nel prossimo consiglio comunale

Rivoluzione Statale 16 (strada Adriatica), si entra nel clou dei preparativi per aprire i cantieri. Tre aree di intervento, di circa cinque mesi l’uno, da sud (si inizia dall’incrocio con via Montescudo) a salire. Sono queste le prime indiscrezioni che circolano da Palazzo Garampi. Il sindaco Jamil Sadegholvaad l’aveva già anticipato nel corso della conferenza stampa di fine anno. “Il 2022 sarà soprattutto l’anno della viabilità”. Di opere attese da trent’anni e di inevitabili, rilevanti, disagi per la circolazione.

Consiglio comunale ad hoc

Si parte a metà febbraio e la giornata decisiva, per conoscere la tabella di marcia completa, sarà quella di giovedì 27 gennaio. Sarà quella l’occasione per illustrare il piano viabilità e per rendere partecipe tutto il consiglio comunale e di conseguenza la cittadinanza, la capogruppo riunita nelle scorse ore ha definito una seduta dell’assemblea ad hoc che avrà lo scopo di illustrare tutti gli step del progetto e della cantierizzazione. Il prossimo consiglio comunale, salvo contrordini, dopo qualche mese in presenza tornerà però a riunirsi in modalità telematica complici quarantene e casi di positività al Covid.

L'Adriatica resterà aperta ma in assetto ridotto

Nella giornata di mercoledì (19 gennaio) tornerà a riunirsi anche il tavolo tecnico in Prefettura, chiesto come supporto dal Comune, e che si occupa prioritariamente dei dettagli legati alla circolazione, all'ordine e alla sicurezza pubblica. Il tavolo al quale partecipano Comune di Rimini, Autostrade per l’Italia, Anas, Polizia Stradale, Provincia e Polizia Municipale di Rimini dovrà chiudere la partita per garantire la viabilità, anche se ingorghi e rallentamenti sono in vista dell’estate dati per inevitabili da tutti. Secondo indiscrezioni in arrivo da Palazzo Garampi la novità sarà quella del mantenimento aperto, in assetto molto ridotto, dell’Adriatica per tutto lo svolgimento del cantiere. Si dovrebbe procedere con una sola corsia di marcia, con restringimenti e con possibili tratti alternativi provvisori.

Si partirà dall'incrocio con via Montescudo

Il lavoro andrà avanti per aree di intervento, partendo dall’incrocio con via Montescudo (Coriano), a salire. Se le indicazioni di massima verranno confermate nei primi cinque/sei mesi saranno perciò interessati dai cantieri la zona più a sud, per poi salire e raggiungere l’incrocio di accesso alla consolare per il casello di Rimini Sud e per San Marino. Il punto cruciale ora è legato ai costi generati da risorse umane e tempistiche. I lavori, che tra una settimana verranno illustrati nei dettagli, saranno impattanti: vista soprattutto la realizzazione di tunnel sotterranei sia per garantire la circolazione veicolare e dei mezzi pesanti, sia per pedoni e ciclisti. Fondamentale sarà la gestione del traffico. E qui cruciale sarà il coordinamento, con a capo la Prefettura, per il coinvolgimento di uomini e forze dell’ordine. Un impegno notevole, per una rivoluzione attesa da decenni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Statale16 verso l'apertura dei cantieri, sarà un'Adriatica in assetto gimkana e con le ruspe su tre aree

RiminiToday è in caricamento