A San Patrignano diplomati i primi operatori del corso Parenting Program

Il primo corso in Italia per contrastare i maltrattamenti fisici ed emotivi sui figli da parte di genitori che hanno avuto problemi di tossicodipendenza

È un fenomeno vasto, complesso e articolato quello che riguarda la violenza sui minori: violenza fisica, morale, psicologica e sessuale sono gli aspetti più problematici. Il maltrattamento e la trascuratezza possono provocare nei bambini gravi conseguenze quali la depressione, disturbi d’ansia, alimentari, disfunzioni sessuali, della personalità e, crescendo, abuso di sostanze stupefacenti. Ad esserne vittima sono spesso i figli di genitori con problemi di tossicodipendenza. A sottolineare questo aspetto è stato il terapeuta Antonio Boschini, della comunità di San Patrignano, intervenuto nell’ambito della 9° edizione di Wefree days, l’evento che la Comunità di recupero di tossicodipendenti, che ha sede a Coriano, nel riminese, dedica ogni anno alle tematiche relative all’abuso di droghe  e al disagio giovanile. All’evento ha partecipato anche la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, Elisabetta Gualmini, consegnando i diplomi di partecipazione al primo gruppo di operatori che hanno concluso il corso sul Parenting Program, un metodo di formazione mirata ad intervenire sui maltrattamenti fisici ed emotivi e sulla trascuratezza di figli di genitori con problemi di tossicodipendenza.

“Siamo contenti- ha dichiarato la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna e assessore al welfare, Elisabetta Gualmini- che si stiano moltiplicando le iniziative di prevenzione della conflittualità familiare. I casi stanno crescendo molto in regione: dalle coppie che non possono separarsi per motivi economici, ai genitori soli, ai minori con problemi di dipendenza. A San Patrignano- sottolinea ancora la vicepresidente-  abbiamo incontrato i genitori che a loro volta hanno avuto o hanno problemi con la droga e che devono essere aiutati a sostenere ed educare i figli. La formazione di operatori che possano lavorare con questi nuclei familiari, la diffusione della mediazione familiare in tutte le sue forme e la collaborazione tra servizi socio sanitari ed Enti locali sono tutti strumenti che vanno nella direzione giusta”.

Dopo la cerimonia, la giornata a San Patrignano della vicepresidente Gualmini è proseguita con la visita alla struttura educativa per i bambini della Comunità “La Chiocciola”, che ha ospitato nell’anno scolastico 2015-2016 50 bambini divisi tra il nido d’infanzia, con 10 posti in convenzione con il Comune di Coriano, che eroga voucher alle famiglie per sostenere la retta, un Gruppo bambini (dai tre ai cinque anni di età) e il doposcuola (da 6 ai 14 anni).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta del primo corso organizzato in Italia, nell’ambito del progetto Fighting abuse: drugs-free happy families, iniziativa studiata e sostenuta in collaborazione con la UBS Optimus Foundation e indirizzata a un target specifico, composto da genitori tossicodipendenti che stanno affrontando un percorso di recupero a San Patrignano. Dei genitori residenti a San Patrignano, gran parte ha i figli che vivono fuori dalla comunità, affidati al compagno o alla compagna o a un familiare, altri, invece, vivono all’interno della struttura con i propri figli. Purtroppo la maggior parte di questi bambini sono stati vittime di maltrattamenti emotivi e di trascuratezza da parte dei genitori e, per questo, ritenuti ad alto rischio di maturare nel tempo problemi fisici e psicologici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento