Aggressione al medico, gli accusati si rimpallano le responsabilità

Dopo la tantata rapina di venerdì sera, conclusasi con la vittima che ha sparato ai due aggressori, gli indagati sono stati interrogati in carcere nella mattinata di lunedì

Interrogatorio in carcere, lunedì mattina, per i due indagati della tentata rapina di venerdì sera ai danni di un medico bellariese. I presunti rapinatori, un riminese 42enne e un napoletano 36enne arrestati dai carabinieri subito dopo la sparatoria, sono stati sentiti dal gip Sonia Pasini. Il riminese, perito assicurativo, ha negato ogni addebito sostenendo di non aver mai partecipato alla rapina e, soprattutto, di non essere mai stato nel parcheggio del centro Leon Battista Alberti dove si è consumata l'aggressione. Versione completamente diversa per il napoletano che, stando a quanto emerso, avrebbe ammesso la sua partecipazione al colpo indicando nel riminese l'ideatore del piano per rapinare il professionista che aveva con sè circa 2000 euro in contanti frutto delle visite effettuate nella giornata di venerdì. Non vi è traccia, al momento, del presunto terzo complice che avrebbe partecipato alla rapina. Il gip, al momento, si è riservato la decisione sulla richiesta dei difensori degli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento