Al via i lavori per la nuova Scuola media nell’area ex-fornace

Sono iniziati da già qualche giorno i lavori propedeutici alla costruzione della nuova Scuola media nell’area della ex fornace. L’edificio scolastico ospiterà 18 classi

Sono iniziati da già qualche giorno i lavori propedeutici alla costruzione della nuova Scuola media nell’area della ex fornace. L’edificio scolastico ospiterà 18 classi. Il progetto è stato autorizzato dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici di Ravenna per quanto riguarda il superamento del vincolo paesaggistico (intervento entro 150 metri dal corso del Rio Melo, ex art.146 D.lgs n.42/2004).

La stessa Soprintendenza aveva rimosso il vincolo di cui all’art. 10 dello stesso decreto, non ravvisando l’interesse artistico e storico del complesso edilizio preesistente. Grande cura verrà dedicata alle parti architettoniche recuperabili, che purtroppo non sono molte. Nel corpo basso della fornace è stato individuato un certo numero (oltre la metà) di colonne in muratura di mattoni, prive di lesioni e quindi recuperabili, su cui poggiavano le capriate in legno. Il progetto prevede che le nuove capriate in ferro insistano su pilastri in acciaio, pertanto i vecchi pilastri in mattoni mantengono un puro significato testimoniale.

Per consentire la realizzazione della nuova fondazione, che in base alle norme per la riduzione del rischio sismico, è piuttosto importante, nonostante regga solo la pilastratura e la copertura, occorre liberare l'intera area da tutte le preesistenze, compresi i pilastri in mattoni che s'intende conservare. Si sta pertanto procedendo nel seguente modo: i pilastri esistenti ritenuti recuperabili vengono “incamiciati” da una maglia in profilati di ferro, quindi, perforati per l'intera altezza (circa tre metri), verrà inserito un tondino di acciaio, che, attraverso l'iniezione di cemento ad espansione, andrà a consolidare la muratura del pilastro in mattoni. Una volta realizzata la platea di fondazione, i pilastri in mattoni saranno ricollocati nella posizione originaria e resi visibili dall'interno e dall'esterno, come testimonianza della precedente struttura industriale.

L'altro elemento architettonico che il progetto prevede di mantenere è costituito dalle murature di mattoni, a due piani, caratterizzate dalla presenza di trifore. Si tratta in questo caso, di una preesistenza architettonica con caratteri estetici di un certo pregio, che il progetto prevede di mantenere. Le pareti vengono placcate dentro e fuori da una imbragatura in tavole di legno e putrelle in ferro ancorate a terra. Alla base viene creata una sottomurazione in calcestruzzo armato e successivamente, le pareti interne vengono rinforzate con getto di betoncino armato con maglia elettrosaldata in tondini di ferro, mentre all'interno della muratura viene realizzata la struttura del nuovo edificio scolastico.

Analogo criterio verrà adottato per la conservazione delle murature di mattoni, su due piani, della porzione di fornace che era stata destinata alla realizzazione del teatro. “Con il superamento della fase tecnico amministrativa – commenta con soddisfazione l’Assessore ai lavori pubblici Maurizio Pruccoli  - nei prossimi mesi vedremo un’accelerazione dei lavori. Questo nuovo complesso scolastico corrisponde ad una delle principali priorità indicate da questa Amministrazione nel suo programma  amministrativo, che è quello di investire sulla scuola e sull’edilizia scolastica comunale, che per noi sono il futuro e il capitale vero di una collettività”.

Come si ricorderà, l'appalto concorso per la realizzazione dell’opera è stato aggiudicato, con Determinazione dirigenziale n. 1319 del 1 ottobre 2010, all'A.T.I, Associazione temporanea di imprese, costituita da UNIECO Soc.Cooperativa di Reggio Emilia  (capogruppo), Cooperativa Muratori Verucchio Soc.Coop.va a r.l. e Pianeta Immobiliare srl di Villa Verucchio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento