menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pedinava, minacciava e tormentava l'ex: ora è in carcere

Un 21enne di Reggio Emilia, residente a Bellaria Igea Marina, si trova ora in carcere in esecuzione ad un'ordinanza di aggravamento della misura cautelare per stalking firmata dal tribunale di Rimini

Un 21enne di Reggio Emilia, residente a Bellaria Igea Marina, si trova ora in carcere in esecuzione ad un'ordinanza di aggravamento della misura cautelare per stalking firmata dal tribunale di Rimini. Il giovane, che si trovava già agli arresti domiciliari per stalking e sequestro di persona ed altro, tra l’ottobre 2011 ed il gennaio, nonostante le prescrizione che gli erano state imposte, aveva pedinato, molestato, minacciato anche telefonicamente l'ex fidanzata ventenne.

Il 21enne, approfittando del suo forte ascendente, l’aveva costretta a sottoscrivere una falsa ritrattazione della querela.  La prima volta il giovane era stato arrestato il 4 aprile, in ottemperanza ad un’ordinanza di custodia cautelare, perchè responsabile di atti persecutori, sequestro di persona, violenza privata e violazione di domicilio. In un'occasione, la sera del 30 ottobre, il 21enne l'aveva costretta a rimanere in casa con lui, sequestrandole il cellulare in modo che non chiedesse aiuto.

Nella circostanza aveva rifiutaro le telefonate dei genitori di lei, inviando sms fuorvianti tali da indurli a credere che la figlia fosse contenta di essere insieme al suo fidanzato. Il 24 gennaio, per controllarla, si era  introdotto abusivamente all’interno dell’istituto scolastico frequentando dalla ex fidanzata, dove aveva anche cercato di entrare in classe, aggredendo anche il nuovo compagno della sua ex fiamma.

Le indagini hanno permesso di appurare che spesso, con violenza e minacce, costringeva la ragazza ad abbandonare il luogo e la compagnia in cui si trovava per seguirlo nei suoi spostamenti, aggredendola ed impossessandosi del suo cellulare per impedirle di chiedere aiuto. La ragazza, sentendosi pedinata, controllata, minacciata e perseguitata, proprio dopo l’ennesimo episodio a scuola aveva deciso di chiedere aiuto ai militari della Stazione Carabinieri di Bellaria, che hanno risolto il caso.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento