Bigiotteria e giocattoli senza il marchio CE: blitz in un negozio di Borgo Marina

L’esercente, di nazionalità bangladese, è stato sanzionato per oltre 14.000 euro, e denunciato all'autorità giudiziaria per la vendita 593 accendini ritenuti “prodotti pericolosi” che sono stati posti sotto sequestro penale

Articoli di bigiotteria e giocattoli che non rispettavano le prescrizioni imposte dal codice del consumo e privi delle avvertenze di legge. E' quanto hanno rinvenuto gli agenti del nucleo antiabusivismo e distaccamento centrale della Polizia Municipale di Rimini  durante un controllo in un negozio di Borgo Marina. L’attenzione della Polizia Municipale in particolare si è concentrata sui prodotti che non risultavano idonei a soddisfare i requisiti di sicurezza per carenza delle informazioni minime imposte dal Decreto Legislativo 206/2005.

Al termine del controllo sono stati sequestrati ai fini amministrativi 5.843 articoli che non riportavano le indicazioni in lingua italiana (ovvero erano mancanti delle indicazioni relative alla ragione sociale, al marchio e alla sede legale del produttore e importatore) per un valore commerciale di circa 32.000 euro. L’esercente, di nazionalità bangladese, è stato sanzionato per oltre 14.000 euro, e denunciato all'autorità giudiziaria per la vendita 593 accendini ritenuti “prodotti pericolosi” che sono stati posti sotto sequestro penale.

Questi controlli assolvono all'esigenza di assicurare sul mercato una corretta concorrenza che tenga conto della qualità e soprattutto della sicurezza dei prodotti a tutela dei consumatori finali. Proseguono inoltre i servizi a contrasto dell’abusivismo commerciale che anche nell’ultima settimana hanno portato al sequestro di centinaia di borse, capi d'abbigliamento e occhiali con marchi contraffatti, oltre al sequestro di capi di abbigliamento venduti abusivamente.

Polizia stradale – Sono stati oltre 1800 veicoli i controllati dalla Polizia Municipale nell’ambito del servizio di Polizia Stradale. Tre le auto sottoposte a sequestro perché prive di copertura assicurativa, mentre sono 13 le sanzioni elevate ad altrettanti automobilisti trovati alla guida di veicoli che non avevano effettuato la revisione periodica. Sei i conducenti sanzionati per mancato utilizzo della cintura di sicurezza e quattro perché facevano uso del telefono cellulare durante la guida. Sette infine i documenti (patenti e carte di circolazione) ritirati su strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento