Operazione mare sicuro, 97 bagnanti salvati dalla Capitaneria

64 richieste d'intervento. 51 operazioni di soccorso. 97 persone tratte in salvo. Sono solo alcuni numeri dell'intensa attività svolta nel 2011 dalla Guardia Costiera

64 richieste d'intervento. 51 operazioni di soccorso. 97 persone tratte in salvo. Sono solo alcuni numeri dell'intensa attività svolta nel 2011 dalla Guardia Costiera durante tutta la stagione balneare. L'operazione, definita “Mare Sicuro”, era finalizzata alla tutela della sicurezza della navigazione e della balneazione, dell'ambiente marino e costiero sia in mare che sull'arenile da Cesenatico fino a Cattolica. Giornalmente sono stati impiegati 10 militari nelle sale operative.

In mare sono stati impiegati dieci mezzi, con 12 militari quotidianamente a bordo delle motovedette ed altrettanti a bordo dei battelli veloci. Complessivamente sono state effettuate 308 missione, per un totale di 4383 chilometri percorsi. Sull'arenile sono stati impiegati 14 mezzi e 20 militari. In totale sono stati completati 7860 chilometri. I mezzi soccorsi sono stati 32. Tra le operazioni di salvataggio spiccano quelle del 18 giugno e del 26 agosto.

Nella prima circostanza sono state tratte in salvo tre persone che stavano rischiando di affondare a causa di una falla a bordo della loro imbarcazione da diporto a 8 miglia dalla costa. Nel secondo caso sono state salvate 11 persone che si trovavano a bordo di un'imbarcazione che stava andando a fuoco. Nell'ambito dei servizi di controllo finalizzati a contrastare il fenomeno della pesca abusiva e abusi demaniali, sono state svolti 7.542 controlli.

1930 hanno riguardato la filiera della pesca, mentre 125 operazioni riguardanti la sicurezza della navigazione. Sono 1800 i controlli di polizia demaniale, 502 di polizia ambientale. Le ispezioni in ambito portuale sono state 781, mentre quelle a tutela dei bagnanti 2404. Sono state accertate sanzioni per 107.800 euro, mentre i sequestri amministrativi sono stati 52.

Sono 16 le denunce (10 per abusi demaniali, 3 per violazioni sulla pesca, una per la sicurezza della navigazione e due per altri reati), mentre 8 i sequestri penali (5 per abusi demaniali e tre per la pesca). Nell'ambito delle operazioni finalizzate a contrastare il fenomeno dell'abusivismo commerciale sono state effettuate 72 denunce e 490 sequestri per un valore della merce di un milione e ottocentomila euro. Quest'ultimi dati sono stati forniti dalla Polizia Municipale.

Per il servizio sono stati impiegati due militari per operazione ed un mezzo. Rilevante è stata inoltre l'attività svolta in occasione dello sciopero dei bagnini, che ha visto la presenza vigile della Guardia Costiera lungo tutto l’arenile al fine di verificare la presenza del servizio di salvamento ed il corretto svolgimento delle attività balneari. Nella circostanza sono stati impiegati 25 militari 2 unità navali, altrettanti battelli. Sono 141 le postazioni di salvataggio controllate, 21 le multe per assenza di salvataggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento