menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cattolica, il nuovo lungomare: la riqualificazione del waterfront entra nel vivo

Il percorso del progetto esecutivo ha preso il via il 31 agosto e i lavori di costruzione incominceranno presumibilmente nel mese di settembre del 2021

Entra nel vivo il percorso tecnico-amministrativo per concretizzare la progettazione del nuovo waterfront di Cattolica. Un intervento di riqualificazione atteso da anni che dopo il bando a due fasi è stato aggiudicato allo studio Medaarch di Cava dei Tirreni. Proprio nei giorni scorsi, tra giovedì e venerdì, sono tornati in città i progettisti del nuovo lungomare Rasi Spinelli per confrontarsi con dirigenti e tecnici di Palazzo Mancini e per due giorni di sopralluoghi ed incontri propedeutici alla realizzazione del progetto esecutivo.

“Abbiamo lavorato al progetto cercando di rendere la passeggiata del lungomare non solo ricca di scorci nuovi e di eventi architettonici caratteristici, ma anche in grado di donare alla città opportunità ed esperienze da vivere tutto l’anno - racconta l’ingegnere Gianpiero Picerno Ceraso -. Il lavoro mirava a tre obiettivi principali: valorizzare gli elementi storico-territoriali del contesto urbano e degli elementi identitari del Paesaggio; generare occasioni aggregative sociali e sportive durante tutto l’anno, sviluppare una progettazione del verde finalizzata sia alla rinaturalizzazione dell’area, sia per aumentarne la resilienza e restituire un maggiore grado di naturalità al waterfront”.

Le chiavi di lettura della riqualificazione muovono da alcuni punti ben chiari. Ottocento metri di lungomare con larghezza complessiva di oltre 20 metri e con un effetto visivo che non si interrompe ma che restituisce la visibilità verso l’orizzonte, grazie a soluzioni che sostituiscono l’attuale piattaforma stradale (pedonale, carrabile e ciclabile) di per sé discontinua, sia in termini di materiali che di quote, con un’unica piattaforma dalle caratteristiche uniformi. Biodiversità, mobilita dolce, mobilità elettrica, assenza di barriere architettoniche. Queste alcune caratteristiche del nuovo waterfront di Cattolica, che sarà dotato di spazi verdi, piste ciclabili, aree relax, una wellness arena, nuovi spazi di socializzazione, per ospitare eventi, favorire incontri ed esperienze tra natura e città.

Il percorso del progetto esecutivo ha preso il via il 31 agosto e i lavori di costruzione incominceranno presumibilmente nel mese di settembre del 2021. Lo studio salernitano si è imposto dopo le due fasi: la prima che ha visto la partecipazione di oltre 50 progetti e la seconda che ha ristretto il campo tra i tre finalisti selezionati. La giuria chiamata a visionare i progetti pervenuti è stata presieduta dalla stilita Alberta Ferretti. Per Medaarch 20.000 euro di acconto sul successivo incarico e 15.000 euro per secondo e terzo: i progetti firmati da Giorgio Scarchilli (Roma) e dalla Seste Engineering (Roma). Per l’intervento al waterfront cattolichino sono stati concessi 3,3 milioni di euro grazie al secondo posto provinciale nella graduatoria del bando della Regione. Per l’intera riqualificazione del lungomare Rasi-Spinelli l’intervento complessivo è di 4,5 milioni, per un quarto dal comune il resto dalla Regione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Miti e leggende, i fantasmi del riminese

Attualità

Verucchio, inaugurata dal sindaco una nuova pizzeria d'asporto

Giardino

Bonus Verde 2021: nuovo look al giardino spendendo poco

social

Cassoni riminesi, la ricetta per farli in casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

  • Alimentazione

    Dimagrire con la dieta del riso rosso

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento