Clean Sea Life, una mole di plastica recuperata in mare dai pescherecci

L’assessore alle Politiche ambientali Anna Montini: "Desta impressione e preoccupazione la quantità di materiale"

Sono tornati nel porti di Rimini all'alba di venerdì i 10 pescherecci riminesi - De Arpa, Erika, Fabio, Genesi, Gianfranco, Levriero II, Massimo T, Simona II, Sonia Simone, Stefania – nell'ambito dell'operazione Clean Sea Life, il progetto promosso dalla Fondazione Cetacea per ripulire il mare dai rifiuti. Una mole impressionante di materiale, scaricato sulla banchina, che ha preoccupato non poco l’assessore alle Politiche ambientali Anna Montini. "Desta impressione e preoccupazione la quantità di materiale che questa mattina, nell’ambito della campagna “Tutti insieme per un mare più pulito”, dieci pescherecci della nostra marineria hanno depositato sulla banchina del porto - ha commentato l'assessore. E’ il “frutto”, l’esito solo dell’ultima calata delle reti capace però - si pensi che ogni peschereccio ne fa tra le 10 e le venti - di darci un segnale forte e chiaro: il Mediterraneo, così come tutti i mari e gli oceani del mondo, hanno raggiunto un punto critico ed è dunque giunta l’ora, tutti insieme, di invertire la rotta. Il Comune di Rimini sta producendo uno sforzo storico e economicamente eccezionale per riqualificare la propria rete fognaria nella relazione con il mare Adriatico. Ma questo sforzo, anche replicabile per altre 10, 100, mille città che si affacciano su qualsiasi mare non saranno sufficienti. Quelle reti dismesse, quei copertoni d’auto, quegli stivali di plastica, bottiglie d’acqua, canotti bucati che si ‘pescano’ in Adriatico o sul Tirreno non sono arrivati da chissà dove, ma sono il frutto di comportamenti cinici e di cortissimo respiro che avvelena il mare e la vita, la sua e la nostra".

"Comportamenti cinici e egoistici dagli esiti molto seri - prosegue la Montini. - In questi giorni, sulle tivù nazionali e sugli organi d’informazione, si stagliano per drammaticità le immagini della fauna marina avviluppata nei residui plastici dell’uomo. Creature messe a rischio o uccise a causa di comportamenti superficiali, menefreghistici se non addirittura deliberatamente fuorilegge. Fortunatamente ancora viva, come tante altre sarà presa amorevolmente in cura dalle mani capaci dei volontari della Fondazione cetacea per poi, come avverrà proprio domani, rimessa in mare libera di nuotare nel proprio ambiente. Domani mattina alle 10,30 sarà liberata Malù, una tartaruga spiaggiata nel dicembre scorso poi curata dalla Fondazione cetacea. Una liberazione che, vista la giovane età dell’animale, avverrà in mare a tre miglia dalla costa con una festa collettiva dove saranno coprotagonisti i bambini, e i loro famigliari, dell’oncologico, 90 persone in tutto che escono in mare con diverse barche del Club nautico e delle associazioni ambientaliste. L’altra tartaruga verrà liberata alle 15 dalla spiaggia e si chiama Fortuna. Sì, Fortuna perché se due tartarughe, dopo le cure, possono tornare a vivere, per tante il destino è tragico e niente può essere sufficiente di fronte a questo dramma che si ripete".

"Occorre dunque - conclude l'assessore - un cambio di passo, un’attenzione diversa, un atteggiamento materiale e culturale che riduca fino alla scomparsa questo fenomeno di abbandono in mare di rifiuti, spesso proprio da parte di uomini che dal mare traggono di che vivere. Non ci sono giustificazioni. Non ce le ha nessuno. Nel nostro piccolo, il Comune di Rimini, nel corso del 2017, ha posizionato container per la plastica lungo il porto canale a servizio dei pescherecci. Occorre potenziarli? Siamo disponibilissimi. Col gestore della raccolta dei rifiuti lo faremo. Occorre però un cambio di passo in Italia, specie in quei settori come la mitilicoltura che si avvalgono di strumenti come le reti di plastica per il proprio lavoro che poi, quando ributtate in mare, avvelenano i fondali del Mediterraneo fino alla battigia dove vengono depositate in gran numero. Crediamo fortemente che Rimini sia una città di mare e non sul mare ed è per questo che la nostra amministrazione è impegnata nel promuovere azioni positive anche con quelle messe in atto attraverso il supporto a due distinti progetti presentati nelle ultime settimane, in risposta a bandi ministeriali e del fFag costa dell’Emilia Romagna rispettivamente, che prevedono la sperimentazione di buone pratiche per la riduzione dei rifiuti in mare mediante il supporto dei pescatori e delle loro imbarcazioni e test pilota per il riciclo delle reti (le cosiddette “calze”) della miticoltura disincentivandone il piu’ possibile l’abbandono in mare. Il tempo a disposizione è finito".

Sabato 9 Giugno dalle ore 9 il posizionamento di tre gazebo a fianco della Casa dei matrimoni a ridosso della murata che verranno allestiti con bandiere delle associazioni e del progetto. Alle 9,30 la Sub Gian Neri comincerà a pulire il fondale del porto, quanto ricavato verrà catalogato e conferito ai bidoni. Alle 10 la Veleggiata di Solidarietà delle barche con a bordo i pazienti oncologici per poi salutare Malù. Alle 15 sarà la volta di Fortuna all’altezza della spiaggia libera. Alle 16 l’inizio della pulizia della spiaggia libera coi retini e della scogliera lato Levante. Alle 16,30 apposizione simbolica dei rifiuti più significativi recuperati affinché la coscienza di tutti faccia un passo avanti per la pulizia del nostro mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: come ottenere il codice per vincere fino a 5 milioni di euro

  • Dpcm 3 dicembre: feste di Natale solo tra conviventi, viaggia solo chi deve rientrare nella residenza

Torna su
RiminiToday è in caricamento