rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Coldiretti celebra la festa provinciale del Ringraziamento

Il Presidente della Coldiretti di Rimini Guido Cardelli Masini Palazzi ha ringraziato sentitamente tutte le autorità per essersi unite a Coldiretti in un momento di grande importanza dell’annata,

L’Edizione numero 72 della festa provinciale del Ringraziamento si è tenuta domenica 27 Novembre alle 11.15 alla Chiesa della Collegiata di Santarcangelo, a Rimini. L’evento con la Santa Messa presieduta dal picchetto d’onore del Corpo dei Carabinieri, si è svolto alla presenza delle autorità civili e militari, dei dirigenti dell’Associazione e dei tanti associati e dipendenti riunitisi per celebrare insieme. Al momento dell’offertorio, come tradizione da sempre, un nutrito gruppo di bambini e fedeli con il giallo foulard di Coldiretti al collo, ha portato in processione ai piedi dell’altare i doni offerti dagli agricoltori: frutti della terra che sono stati poi distribuiti dalla Parrocchia ai più bisognosi. Al termine della funzione il Presidente della Coldiretti di Rimini Guido Cardelli Masini Palazzi ha ringraziato sentitamente tutte le autorità per essersi unite a Coldiretti in un momento di grande importanza dell’annata, momento in cui gli agricoltori si ritrovano per rendere omaggio al Buon Dio. Alle ore 12.30 Don Davide e Don Lauro, Consigliere Spirituale di Coldiretti Rimini si sono spostati in piazza Marini dove hanno effettuato la benedizione delle macchine agricole, allineate nel piazzale ravvivato dal giallo delle bandiere Coldiretti, ricordando l’importanza di questa giornata, in cui storicamente si ringrazia per il raccolto dei campi e se ne benedicono frutti e macchine, riunendosi anche per dare vita ad un’occasione di incontro e riflessione. Il “Ringraziamento” è stato istituito storicamente in tutti i centri rurali nel 1951 proprio per iniziativa della Coldiretti e nel 1975 la CEI lo ha ufficialmente inserito nel calendario liturgico. Il tema del 2022 “Coltiveranno giardini e ne mangeranno il frutto” (Am 9,14), riguarda la custodia del creato, legalità, e la lotta contro le agromafie. “L’agricoltura è un’attività umana che assicura la produzione di beni primari ed è sorgente di grandi valori: la dignità e la creatività delle persone, il legame sociale che si crea tra i lavoratori. Apprezziamo oggi più che mai questa attività produttiva in un tempo segnato dalla guerra, perché la mancata produzione di grano affama i popoli e li tiene in scacco” sottolinea il Presidente di Coldiretti Rimini.

La mattinata si è conclusa con un aperitivo per tutti i partecipanti, a base di cibo sano e genuino a km0 preparato dalle aziende agricole associate a Campagna Amica della provincia di Rimini, che hanno realizzato un mercato giallo, offrendo in vendita tutti i prodotti delle loro aziende a km0. Presente per tutta la durata dell’evento anche il banco per la raccolta delle firme a favore della petizione che dice no al cibo sintetico e sostiene il cibo sano e naturale a km0, in cui tutti gli intervenuti hanno fatto tappa per sottoscrivere e sostenere la campagna di mobilitazione di Coldiretti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coldiretti celebra la festa provinciale del Ringraziamento

RiminiToday è in caricamento