Cronaca

Covid, la regione verso la zona bianca, Bonaccini: "Il green pass per tornare in discoteca"

Per le discoteche "andrebbe studiata una soluzione che senza passare da un estremo all'altro possa cominciare a far riaprire, sia pure con limitazioni all'inizio come è giusto fare"

Per il governatore Stefano Bonaccini l'ingresso di quasi tutta Italia in zona bianca nelle prossime settimane - all'Emilia-Romagna dovrebbe toccare il 14 giugno - non scatteranno nuove limitazioni. "Intanto - premette il presidente della regione Emilia-Romaga venerdì a Mattino 5 - vediamo di proseguire come stiamo andando, perché fino a qualche settimana fa non sembrava possibile che praticamente tutta l'Italia o quasi entrasse in zona bianca a metà giugno". Ora, "se le cose vanno come sembrano andare, ci sarà modo di discutere col Governo, ma non credo ci saranno tante limitazioni. Diciamoci la verità, quel rischio calcolato di Draghi è stata una scelta assolutamente giusta e azzeccata, che io condiviso da subito".

L'Emilia-Romagna conta molto sul 'passo' della campagna vaccinale: giovedì si è arrivati a 2,5 milioni di somministrazioni, col 20% della popolazione ormai immunizzata con la doppia dose. Soprattutto per questo "siamo in tutt'altro scenario rispetto all'anno scorso, la luce in fondo al tunnel comincia ad essere molto vicina", sottolinea a questo proposito Bonaccini.

Per le discoteche "andrebbe studiata una soluzione che senza passare da un estremo all'altro possa cominciare a far riaprire, sia pure con limitazioni all'inizio come è giusto fare". Bonaccini torna sul green pass per riaprire i locali da ballo. "Sono tra le attività più colpite e più nel dramma, inutile girarci intorno - dice - Sono luoghi di facile assembramento più di tanti altri ed è difficile convincere una persona che va a ballare a tenere le distanze di sicurezza. In ogni caso noi abbiamo fatto la proposta del green pass".

Dopo i tre milioni di ristori assegnati dalla Regione ora "bisogna fare le cose per bene in sicurezza, perché quando si riaprirà dobbiamo fare in modo che qualsiasi attività non richiuda mai più, come peraltro sta accadendo". Più generale, comunque, "le regole si rispettano", sottolinea ancora Bonaccini commentando gli assembramenti di qualche tempo fa per la festa dell'Inter. "Abbiamo ancora qualche tempo, sia pure credo breve, per dover avere comportamenti adeguati, mascherina e distanziamento". Insomma "ci vuole prudenza, ci vuole intelligenza, perché i sacrifici che abbiamo fatto non vengano vanificati dal comportamento di qualche imbecille". (Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, la regione verso la zona bianca, Bonaccini: "Il green pass per tornare in discoteca"

RiminiToday è in caricamento