menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omaggio a Elio Pagliarani: sabato l’intitolazione di un percorso pedonale nella sua Viserba

"Un personaggio - ha detto l'assessore ai Servizi del cittadino Irina Imola - forse poco conosciuto nella nostra città al quale vogliamo restituire i meriti e il ruolo fondamentale che ha nella letteratura

Si svolgerà venerdì alle 12 la cerimonia d’intitolazione a Elio Pagliarani di un percorso pedonale nella sua Viserba, in un’area tra Viale Giuseppe Mazzini e Viale Porto Palos. Un percorso pedonale, quello che sarà intitolato a Pagliarani, parallelo a viale Bologna e viale Gaetano Genghini, molto prossimo alla zona dove il poeta ha vissuto negli anni giovanili e dove ancora vi si recava in vacanza con la famiglia. Un luogo dove molto vivo è il ricordo della presenza e delle passeggiate del Poeta verso il mare.

Una momento a cui, oltre all’assessore Irina Imola, parteciperà la moglie Maria Concetta Petrollo scrittrice e direttrice di importanti biblioteche, che rappresenta il secondo dei tre momenti pensati dall’Amministrazione comunale in omaggio al grande poeta che con la sua lirica ha segnato la poesia del ‘900. Un pensiero e un omaggio che sarà ripreso sabato, quando al Liceo “A. Serpieri”, a Viserba, si terrà la cerimonia d’intitolazione della biblioteca scolastica a Elio Pagliarani: “Elio Pagliarani: un serpierino straordinario” – percorso grafico-poetico - elaborazioni visive, installazioni e letture a cui parteciperanno studenti, docenti, genitori, rappresentanti di Istituzioni locali e Ufficio Scolastico Territoriale, Irina Imola, Assessore ai Servizi Generali e la moglie Maria Concetta Petrollo.

Sarà questa l’ultima delle tre iniziative pensate in un omaggio a Elio Pagliarani, il poeta riminese scomparso nel 2012 che a Rimini, dove nacque nel ’27, e a Viserba dove visse ha legato una parte importante della propria vita. Elio Pagliarani fu anche insignito del Sigismondo d’oro nel 1995 “per aver dato voce memorabile – si legge infatti nella motivazione del più alto riconoscimento cittadino - più di ogni altro poeta italiano del dopoguerra, al disagio della civiltà industriale.”

“Un personaggio – ha detto l’assessore ai Servizi del cittadino Irina Imola – forse poco conosciuto nella nostra città al quale vogliamo restituire i meriti e il ruolo fondamentale che ha nella letteratura. Un indubbio protagonista della scena letteraria del secondo Novecento che ha saputo, attraverso la sua sperimentazione linguistica, recuperare le sue e le nostre radici, precorrendo i tempi, e mettendo in versi un’umanità subalterna straziata dalla massificazione che già a fine anni ’50 egli intravvedeva.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Pizza integrale in padella da preparare a casa

Alimentazione

I 10 food trend del 2021, più attenzione a salute e ambiente

social

Ricette con uova, 4 idee creative da gustare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento