Pauroso incidente sulla Statale Adriatica, due ciclisti feriti portati in ospedale

Il sinistro è avvenuto nei pressi dell'incrocio con via Stiria verso le 13.20. Per permettere i soccorsi e i rilievi di rito, la strada è stata chiusa al traffico

Grave incidente stradale, lunedì verso le 13.20, sulla Statale Adriatica nei pressi dell'incrocio con via Stira dove sono rimasti feriti gravemente due ciclisti stranieri di nazionalità uvraina . Ad avere la peggio sono stati una donna 30enne, ricoverata col codice di massima gravità al Bufalini di Cesena dove i medici si sono riservati la prognosi, e un uomo 37enne, ricoverato col codice di massima gravità all'Infermi di Rimini ma non in pericolo di vita. Il terzo ferito, un 35enne al volante della vettura, è stato ricoverato al pronto soccorso del nosocomio riminese con lesioni di entità minore. Secondo quanto ricostruito, i due ciclisti procedevano in direzione di Ravenna quando, forse per una manovra azzardata, sono stati centrati in pieno da una Peugeot condotta dal 35enne albanese che si muoveva nella stessa direzione. L'impatto è stato tremendo tanto che, nella carambola, il parabrezza della vettura è stato sfondato dai ciclisti. Sul posto sono intervenute tre ambulanze, una delle quali medicalizzata, e i feriti dopo essere stati stabilizzati, sono stati smistati nei vari ospedali. Sul posto, per i rilievi di rito, una pattuglia della polizia Stradale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento