Invitanti, ma traditori: 15 persone intossicate da funghi

Traditi dalla passione per i funghi. Sono diversi i casi di intossicazione a Rimini causati dalla raccolta e dal consumo di funghi tossici da parte di cittadini inesperti nel riconoscerli.

Traditi dalla passione per i funghi. Sono diversi i casi di intossicazione a Rimini causati dalla raccolta e dal consumo di funghi tossici da parte di cittadini inesperti nel riconoscerli. Complessivamente sono dovuti già ricorrere alle cure dei sanitari dei vari presidi ospedalieri della nostra provincia 15 persone, tutte in età adulta. Si tratta di tre casi: uno ha coinvolto 9 persone, gli altri due episodi hanno coinvolto ciascuno 3 persone.

Nelle circostanze sono stati consumati, assieme ad altri funghi commestibili, anche esemplari di Entoloma lividum che per aspetto, dimensione ed
odore (di farina fresca) risultano invitanti, ma che provocano intossicazioni, talora anche gravi. Le persone coinvolte ora stanno tutte bene. Nella scorsa stagione fungina si sono verificate una decina di intossicazioni da ingestione di funghi tossici, tutte per fortuna con esito non mortale.

Il modo migliore per porsi al riparo da tali rischi è di utilizzare gli sportelli dell'Ispettorato Micologico che, sempre l'anno scorso, ha effettuato circa 300
controlli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento