menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Iphone a prezzo stracciato è un inganno: verucchiese cade in una truffa online

L’uomo presentatosi alla caserma di via Banfi 8 ha denunciato che, ai primi di giugno, aveva concluso l'acquisto, su una nota piattaforma di vendite telematiche, di un IPhone 7, che era in vendita ad un prezzo veramente vantaggioso

I Carabinieri della Compagnia di Novafeltria,  al termine di un’attività d’indagine, hanno denunciato l’autore di una “truffa on line” ai danni di un 46enne di Verucchio. L’uomo presentatosi alla caserma dei Carabinieri di via Banfi 8 ha denunciato che, ai primi di giugno, aveva concluso l'acquisto, su una nota piattaforma di vendite telematiche, di un IPhone 7, che era in vendita ad un prezzo veramente vantaggioso. Per non perdere l’occasione, l’ignaro acquirente ha contattato l’autore dell’inserzione che, per bloccare l’affare, gli aveva chiesto di versare l’importo dovuto, pari a 70 euro, effettuando un bonifico a favore di una carta “PostePay” risultata poi intestata all’inserzionista.

Effettuata la transazione, l’acquirente ha poi atteso dieci giorni senza che la merce gli venisse consegnata. A quel punto ha provato a contattare il venditore senza ricevere risposta, accorgendosi che l’inserzione era sparita e l’autore della stessa era irraggiungibile. Avendo compreso di essere stato ingannato, il 46enne si è quindi rivolto ai Carabinieri di Villa Verucchio che hanno intrapreso le indagini e grazie ad una serie di riscontri investigativi, anche di natura bancaria, attraverso i movimenti dell’Iban, sono riusciti a risalire al responsabile della truffa, un 38enne residente a Rimini. Il responsabile aveva utilizzato altre volte lo stesso metodo simulando compravendite on line ingannando poi gli acquirenti, che versavano la somma pattuita tramite bonifico postale o accredito di Post- Pay, senza mai entrare in possesso del bene acquistato, rendendosi poi irreperibile. Il 37enne, al termine degli accertamenti, è stato denunciato per truffa alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rimini. 

L’Arma di Novafeltria invita gli utenti "a prestare la massima attenzione agli annunci on-line per la compravendita di beni e servizi. Bisogna diffidare dagli acquisti molto convenienti e facili guadagni, spesso si tratta di truffe o di merce rubata;  richiedete il pagamento con contrassegno, con questa modalità non viene fatto alcun pagamento al momento dell'ordine ma solo nel momento in cui la merce viene consegnata dal corriere o dal postino, questo metodo di pagamento è considerato sicuro anche per l'acquirente, che paga la merce quando gli viene consegnata, e non deve lasciare in giro per la rete numeri di carte di credito o di conti correnti; fate acquisti on-line con la carta di credito solo su siti che forniscano valide garanzie di sicurezza della comunicazione come nel caso in cui l’indirizzo visualizzato dal browser inizi con HTTPS; non inserire in nessun caso i dettagli della carta di credito su siti sconosciuti e non inviare la copia del documento personale". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verucchio, inaugurata dal sindaco una nuova pizzeria d'asporto

Giardino

Bonus Verde 2021: nuovo look al giardino spendendo poco

social

Cassoni riminesi, la ricetta per farli in casa

social

Gli sfortunati amanti. La storia di Paolo e Francesca

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

  • Alimentazione

    Dimagrire con la dieta del riso rosso

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento