Nei cieli di Rimini con la Forestale a caccia di abusi edilizi e venditori abusivi

Reportage dall'AB412 del Corpo Forestale dello Stato in servizio nella città romagnola per l'operazione "Natura Sicura". Parchi, spiaggia ed entroterra controllati dall'alto in cerca di irregolarità

E' a pieno regime l'operazione "Natura Sicura" del Corpo Forestale dello Stato che, a Rimini, impiega il proprio personale e l'elicottero AB412 per integrare il gruppo interforze, impegnato sul fronte dell'abusivismo commerciale nell'ambito del protocollo siglato tra Comando Provinciale, Questura e Prefettura, specializzato nella lotta al fenomeno dei venditori sulle spiegge e per il controllo delle aree verdi cittadine. Oltre a svolgere, come negli anni passati, l'attività di prevenzione degli incendi boschivi, quest'anno il personale della Forestale viene impiegato anche sul fronte dell'ordine pubblico. Due gli equipaggi dell'elicottero presente a Rimini che, due volte al giorno, si alzano in volo per i controlli del territorio. Mercoledì mattina il decollo è stato fissato per 9.30 e, una volta in cielo, l'AB412 si dirige nella zona sud della provincia per controllare sia il parco XXV aprile, dove nei giorni scorsi erano stati notati dei bivacchi, che lungo la foce del taglio del Marecchia. Il programma della mattinata, infatti, prevede una serie di sorvoli sulle aree verdi per poi puntare lungo la costa e, infine, ispezionare sia il tracciato del Trc che parte dell'entroterra in cerca di abusi edilizi.

Dal cielo, il personale della Forestale prende visione di quanto sta avvenendo a terra per poi, una volta notate delle situazioni anomale, coordinare gli interventi delle forze dell'ordine. Se nella zona del parco XXV aprile tutto sembra andare per il meglio, una volta raggiunta la costa riminese si inizia il conto dei venditori abusivi che, sulla spiaggia, hanno già allestito i loro mercatini. Dall'alto è facile vedere come i vu cumprà, con loro distese di chincaglieria e merce taroccata, sono già attorniati dai potenziali clienti che, durante la passeggiata sulla battigia, non esitano a contrattare e ad acquistare la mercanzia. Un rapido sorvolo di Riccione e, lungo la ferrovia, si passa sul cantiere del Trc per ispezionare il procedere dei lavori per poi puntare la prua dell'elicottero verso il colle di Covignano. Nella seconda parte della missione, infatti, gli occhi della Forestale sono concentrati su eventuali abusi edilizi realizzati nelle aree protette. Si passa quindi al vaglio di tutte le informazioni disponibili, prendendo appunti di quanto si trova a terra, per poi confrontarsi, una volta terminata la missione, e decidere sugli eventuali sviluppi di quanto scoperto dall'alto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

Torna su
RiminiToday è in caricamento