Nel mirino dei carabinieri puntatori laser illegali e merce contraffatta

Scoperti oltre 400 pezzi tra borse, occhiali, portafogli e scarpe oltre a 2500 tra adesivi e loghi metallici pronti per essere incollati ai capi tarocchi

Nell’ambito dei servizi disposti per il contrasto del fenomeno dell’abusivismo commerciale, nella mattina di martedì i carabinieri di Rimini sono entrati in azione nella zona di Rivabella. I militari della Stazione di Viserba hanno sequestrato, complessivamente, 400 pezzi tra borse, occhiali, portafogli e scarpe delle più note griffe ma senza dei relativi marchi. Oltre alla merce, infatti, sono stati trovati 2500 tra adesivi e loghi metallici pronti per essere incollati ai capi tarocchi. Nell'ambito dello stesso servizio, i carabinieri hanno denunciato alla Procura della Repubblica il gestore bengalese di un negozio etnico del centro città, per inosservanza di un provvedimento dell’autorità, poiché metteva in vendita ben 71 dispositivi laser “classe III”, in violazione dell’apposita ordinanza del Ministero della Salute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento