Il giornalista enogastronomico Paolo Massobrio cittadino onorario di Coriano

ssobrio è stato il primo a raccontare questa zona del nostro Paese e farla conoscere in tutta Italia coniando, già nel 2002, la definizione: “Coriano la Montalcino di Romagna”

Paolo Massobrio, una delle firme più apprezzate e conosciute del giornalismo enogastronomico italiano e organizzatore di “Golosaria” a diventa cittadino onorario del Comune di Coriano.  La scelta della giunta comunale e sindaco Silvia Spinelli arriva alla vigilia della prima volta in  Romagna di Golosaria (programma su www.golosaria.it). Anteprima della manifestazione riccionese del fine settimana, sarà quindi la cerimonia di consegna di consegna a Massobrio della cittadinanza onoraria, in programma venerdì (ore 18,30) nelle sale del Comune di Coriano.

Occasione anche per un altro importante annuncio della giunta comunale: l’assegnazione della De.Co. (denominazione comunale) a un piatto tipico della zona creato unendo mare e terra in un’unica ricetta, la zuppa di seppie e fagioli. “Sono particolarmente onorato di questa sorpresa del Comune di Coriano, che va a premiare una mia passione: quella di far conoscere i paesi, le comunità che vivono e lavorano rappresentando il meglio dell’Italia. Golosaria a Riccione è un evento che mira a dare visibilità a un luogo ameno del Golfo di Venezia dove è possibile fare esperienza di uno stile di vita in linea con quel vero patrimonio dell’Umanità che è la dieta Mediterranea", ha spiegato Paolo Massobrio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento