menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Picchiata dal marito costretta a un escamotage per chiedere aiuto ai carabinieri

L'uomo violento è stato arrestato dai militari dell'Arma dopo aver vessato per oltre tre anni la moglie

Una vita d'inferno quella a cui era costretta una 40enne che, da anni, veniva vessata e picchiata dal marito violento fino a quando, ricorrendo a un escamotage, ha trovato il coraggio di chiedere aiuto ai carabinieri. L'inizio della vicenda risale alla metà dello scorso agosto, pochi giorni dopo dall'entrata in vigore del "Codice rosso" che tutela le vittime di violenza domestica e di genere, quando al centralino dei carabinieri era arrivata una strana telefonata. Dall'altro capo dell'apparecchio una donna, con voce trafelata, voleva ordinare una pizza chiedendo insistentemente che le fosse consegnata al più presto al proprio domicilio. L'operatore dell'Arma, intuendo che c'era qualcosa che non andava, aveva inviato subito una pattuglia all'indirizzo indicato e al loro arrivo i militari si erano trovati davanti un appartamento a soqquadro e una donna disperata che spiegava di essere stata picchiata dal marito il quale era ancora nascosto in casa.

L'uomo, infatti, alla vista delle divise si era chiuso in uno sgabuzzino e quando i carabinieri erano entrati aveva cercato di buttarsi dalla finestra del quarto piano. Un gesto inconsulto che, solo grazie alla prontezza di un militare dell'Arma, ha evitato che il marito volasse nel vuoto e che era costato al carabiniere la rottura di una costola. In quella occasione l'uomo, un 40enne, era stato denunciato a piede libero mentre la vittima era stata portata in caserma dove, tra le lacrime, aveva raccontato dei sopprusi ai quali era stata sottoposta negli ultimi tre anni. Maltrattamenti, anche fisici, che l'avevano costretta a ricorrere anche alle cure del pronto soccorso ma tutte le volte, per paura di ulteriori ritorsioni, aveva raccontato ai medici che fratture ed ematomi erano la conseguenza di incidenti domestici. Era così partita un'inchiesta che, nella serata di mercoledì, ha portato all'arresto del marito violento finito in carcere su esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Rimini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arco d’Augusto, storia di uno dei simboli di Rimini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento