Poste italiane assume personale, tre nuovi posti di lavoro anche nel Riminese

Tra gli interventi nei piccoli comuni, portati avanti in questi mesi, spiccano l'abbattimento delle barriere architettoniche e la dotazione di kit di videosorveglianza

Poste Italiane ha da tempo intrapreso un percorso per integrare la sostenibilità nella propria strategia aziendale, affiancando agli obiettivi operativi e finanziari una chiara visione sulle tematiche ambientali, sociali e di governance. In particolare negli 11 piccoli comuni della provincia di Rimini, nei primi 10 mesi del 2019, sono state abbattute le barriere architettoniche negli uffici postali di Pennabilli, Montefiore Conca e Ponte Messa, donato un immobile al Comune di Sant’Agata Feltria, sostituite 12 cassette d’impostazione, 6 uffici postali sono stati dotati di un nuovo kit di videosorveglianza e in 13 uffici è stato attivato il WiFi gratuito, per un totale di 34 interventi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono numeri che confermano la volontà aziendale di promuovere specifiche iniziative a supporto dello sviluppo del territorio, in coerenza con quanto ribadito dall’Amministratore Delegato, Matteo Del Fante, in occasione dell’incontro con i “Sindaci dei piccoli comuni d’Italia” dello scorso 28 ottobre a Roma. Quanto alle nuove politiche occupazionali, recentemente Poste Italiane ha previsto un rafforzamento dell’organico attraverso l’assunzione di 57 nuove risorse da distribuire negli uffici postali della regione Emilia-Romagna, di cui 3 in provincia di Rimini. Nell’ambito del servizio di recapito, invece, nel Riminese l’Azienda ha pianificato entro la fine del 2019, la stabilizzazione di 9 risorse (250 in tutta la regione) che contribuiranno alla distribuzione della corrispondenza per i cittadini. A questo si aggiunge il cosiddetto “Volontariato d’Impresa”, un progetto che conta più di 1.000 dipendenti a livello nazionale (33 in Emilia-Romagna) e che punta a lanciare nuovi progetti di volontariato, potenziare e contribuire a sviluppare la community dei volontari e promuovere iniziative locali a valenza sociale. La diffusione di una cultura del rispetto per l’ambiente rappresenta un altro caposaldo della politica aziendale e si concretizza nell’utilizzo razionale delle risorse, nella corretta gestione dei rifiuti, nella digitalizzazione dei servizi offerti ai cittadini e soprattutto in un parco mezzi composto da veicoli che riducono le emissioni inquinanti in atmosfera. L’attuazione concreta di questi principi attribuisce a Poste Italiane la leadership nel panorama nazionale e costituisce un modello cui ispirarsi per contribuire alla crescita e al benessere del Paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vittima dei truffatori: "Mi sono fatto fregare da una banda di quaquaraquà"

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta davanti al ristorante

  • Coronavirus, i contagi tornano a salire: 12 nuovi casi

  • Ecco la nuova spiaggia di Rimini: 18 metri quadri a ombrellone, apertura fino alle 22 e ok al delivery

  • Colpo al traffico di "bianca": arrestato pusher con più di 300 grammi di cocaina

Torna su
RiminiToday è in caricamento