Aggressioni nella sanità, il sindacato: "Servono videosorveglianza e personale"

"E' un problema di salute pubblica, abbiamo già chiesto un tavolo specifico con l'Ausl"

"Il fenomeno della violenza nei luoghi di lavoro è oramai riconosciuto, fin dal 2002, come un importante problema di salute pubblica. In Sanità si registra un sensibile aumento del fenomeno, anche se tuttora sotto rappresentato, in quanto in prevalenza sono denunciati i soli casi che producono lesioni agli operatori", commenta Cristian Lucarelli FP Cgil Rimini, a seguito dei casi di aggressioni in luoghi della sanità come l'ospedale.

"La sola denuncia a mezzo stampa, le risposte emergenziali con l'istituzione di fondi Regionali per il ripristino del servizio di Polizia all'interno delle strutture sanitarie (come era negli anni ‘90), non risolvono quello che è stato individuato come un problema di Salute Pubblica. La Fp CGIL, che ha avviato da tempo una campagna nazionale sulla violenza in Sanità, ritiene che sia necessario, da subito, avviare un tavolo specifico con l'Ausl della Romagna, a tal proposito è già stata inviata una lettera di richiesta, che riguardi sia la contrattazione integrativa, con accordi di videosorveglianza, che di personale ad hoc formato nelle sedi opportune.

Allo stesso tempo la Fp CGIL ritiene prioritario spingere sull'attuazione di modelli organizzativi dei punti più esposti, come Pronto Soccorso, punti di primo intervento e reparti di psichiatria, evitando che il personale si trovi isolato nella prima fase di attesa del paziente o famigliare, attivando sistemi di presa in carico Doctor to patient e non viceversa, con équipes preparate per codici di intervento. Tale riorganizzazione, in particolare del Pronto Soccorso, dovrà avvenire tramite una proficua concertazione, attraverso l'utilizzo dei fondi regionali stanziati. Proporremo la costituzione di una Commissione Paritetica (Azienda e Sindacati) con lo scopo di elaborare programmi di prevenzione alla violenza e l'istituzione di un team di persone formate per la gestione di situazioni critiche, attraverso: mediazione dei conflitti; diffusione di una politica di tolleranza zero verso atti di violenza; incoraggiamento del personale a segnalare prontamente gli episodi subiti e a suggerire le misure per ridurre o eliminare i rischi, anche con specifici momenti formativi; facilitando il coordinamento con le autorità di Pubblica Sicurezza. Tutto questo perché riteniamo che affrontare situazioni di violenza, riconosciute come un importante problema di Salute Pubblica, con strumenti utilizzati per problemi di ordine pubblico non raggiunga l'obiettivo di azzerare gli atti di violenza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

                                   
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento