Asili comunali ai privati, mattinata di protesta dei sindacati in Comune

Il vicesindaco Gloria Lisi e dall'assessore alla scuola Mattia Morolli hanno incontrato i manifestanti

Scade il 1° dicembre il termine per partecipare al bando per la gestione integrata di strutture comunali per l’infanzia per il triennio 2017-2020. Il bando a evidenza pubblica consentirà una gestione integrata di una parte dell’offerta dei servizi scolastici 0-6 anni (a regime sarà per 4 sezioni di nido su 26, pari al 15%, e per 16 sezioni di scuola materna su 47, pari al 34%): i nidi e le scuole per l’infanzia interessati dal bando quindi rimarranno completamente pubblici, ma saranno gestiti con il coinvolgimento parziale di soggetti esterni altamente specializzati. Al fine di assicurare la continuità didattica del personale educativo ed insegnante l’affidamento integrato della gestione dei servizi sarà scaglionato in tre anni; in questo modo i bambini che già frequentano le strutture interessate arriveranno alla fine del ciclo scolastico/educativo con il personale che li ha accolti fin dal primo anno.

Il bando in pubblicazione, già da diversi giorni sull’albo pretorio, è stato costruito per premiare la qualità del progetto educativo e didattico. L’appalto sarà aggiudicato secondo il criterio della “Offerta economicamente più vantaggiosa”: la valutazione della qualità del progetto educativo sarà prioritaria e potrà ottenere fino a 80 punti, mentre l’offerta economica sarà valutata con un massimo di 20 punti. Segno, questo, che il Comune intende privilegiare in modo netto e deciso la qualità del servizio offerto ai propri utenti. La scelta di introdurre nei servizi educativi e scolastici un modello di organizzazione e gestione integrato nasce dalla volontà di continuare a garantire l’alto livello di servizio finora offerto alle famiglie, qualità che corre il rischio di essere compromessa a causa delle sempre più stringenti normative in tema di finanza pubblica e di assunzione del personale pubblico. Da segnalare comunque l’assunzione di dieci insegnanti effettuata ad aprile da parte del Comune.

Data la volontà dell’Amministrazione di non arretrare sull’educazione e sulla formazione e volendo scongiurare l’ipotesi futura di chiusura anche solo di uno degli asili e delle scuole del territorio, si è deciso di intraprendere il percorso di diversificazione delle forme gestionali dei servizi educativi e scolastici (così come già avvenuto negli anni scorsi per il servizio mensa, per i servizi ausiliari di pulizia e per il sostegno ai bambini con disabilità), affiancando alla gestione diretta tramite personale dipendente del Comune, la gestione tramite ditte specializzate esterne. Oltre a mantenere la qualità del servizio e a garantirne la sostenibilità economica nel medio lungo periodo, la gestione integrata consentirà di ampliare la gamma di servizi offerti alle famiglie, ad esempio estendendo la fascia oraria del servizio (fino alle 18.30 o oltre, come già si sta vedendo in altri territori quali ad esempi la Toscana e la Brianza, o estendendolo al sabato), come si sta facendo in molte realtà italiane.

I nidi e le scuole per l’infanzia rimarranno completamente pubblici pur se gestiti con il coinvolgimento parziale di soggetti esterni. Dunque per gli alunni e le loro famiglie non cambierà nulla in termini di modalità, organizzazione, rette e qualità del servizio. Le strutture che saranno gestite attraverso appalto di servizi infatti, a) rimarranno tutte all’interno dei servizi comunali per l’infanzia, dato che i rapporti amministrativi con le famiglie faranno capo direttamente al Comune; b) l’iscrizione e l’inserimento degli alunni nelle graduatorie, così come la formazione delle classi continueranno ad essere gestite dal Comune; c) la determinazione delle rette e la loro riscossione continuerà ad essere gestita dal Comune ed al Comune le famiglie dovranno continuare a fare riferimento; d) al Comune rimarrà in carico anche la manutenzione straordinaria degli immobili scolastici e delle attrezzature.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche il Coordinamento educativo e pedagogico continuerà a essere svolto dal Comune, che in tal modo garantirà la continuità didattica e l’unitarietà dell’offerta formativa per tutte le scuole e per tutti i nidi. Il Comune infine continuerà ad esercitare il controllo in qualsiasi momento sulle attività educative e didattiche, accertandosi anche che ci sia un costante coinvolgimento delle famiglie. Tutti questi aspetti sono stati ribaditi questa mattina dal vicesindaco Gloria Lisi e dall’assessore alla scuola Mattia Morolli ai rappresentanti sindacali e alla delegazione di insegnanti e di educatori incontrati in mattinata a margine dell’assemblea del personale didattico convocata dai sindacati.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento