Cronaca

L'autopsia svela il giallo sul cadavere ritrovato alla foce del Marecchia

Sul corpo della 42enne originaria della provincia di Potenza non sono state trovate lesioni

Si è svolta nella giornata di martedì l'autopsia sul corpo di Maria Pace, la 42enne originaria della provincia di Potenza ritrovata senza vita alla foce del Marecchia nella mattinata di domenica. L'esame autoptico, che non ha riscontrato tracce di violenza sul cadavere, ha anche accertato la presenza di acqua nei polmoni indicando, come causa del decesso l'annegamento escludendo, allo stesso tempo, l'intervento di terze persone. A fare il macabro ritrovamento era stato un passante che, intorno alle 8, passava lungo la pista ciclabile sul lato di San Giuliano. Sul corpo senza vita solo un perizoma ed una maglietta. Sotto il cadavere sono stati recuperati alcuni indumenti e, poco lontano, una scarpa ma non erano stati trovati i documenti. A riconoscere la 42enne era stata la titolare di un residence di Rimini, dove la Pace lavorava come addetta alle pulizie, che si era allarmata nella serata di domenica quando non l'aveva vista rientrare chiedendo l'intervento della Polizia. Gli agenti le avevano mostrato la foto della donna trovata priva di vita e lei l'ha riconosciuta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'autopsia svela il giallo sul cadavere ritrovato alla foce del Marecchia

RiminiToday è in caricamento