Rimini 'capitale' della differenziata che arriva quasi al 60%

Sale al 58,8% la raccolta differenziata dei primi sei mesi del 2011 nei 22 comuni serviti da Hera. Nello stesso periodo dell'anno scorso la differenziata si era invece attestata al 51,0%

Sale al 58,8% la raccolta differenziata dei primi sei mesi del 2011 nei 22 comuni serviti da Hera. Nello stesso periodo dell’anno scorso la differenziata si era invece attestata al 51,0%.  La performance di Rimini, che diventa così il territorio Hera con la più alta percentuale di raccolta differenziata. Nei 181 Comuni serviti dal Gruppo, questa sale al 50,5% (rispetto al 47,7% dei primi sei mesi del 2010 e al 48,8% di fine 2010).  

Il sistema si basa su 3 pilastri: la raccolta “territoriale”, la raccolta “target” a domicilio, rivolta a quelle utenze che producono determinate categorie di rifiuti destinati a recupero, e le stazioni ecologiche (centri di raccolta) che consentono il conferimento diretto da parte dei cittadini e l’estensione della raccolta differenziata alle diverse filiere di rifiuti urbani.

Sfalci e potature, carta e cartone, organico: sul podio della differenziata . L’incidenza sul totale della differenziata, per quanto riguarda le tipologie di materiale maggiormente raccolte, risulta la seguente:  23,9% carta e cartone , 22,9% organico , 14,9% sfalci e potature , 9,7% vetro, 9,6% plastica. Dal monitoraggio compiuto annualmente da Hera, risulta poi che la percentuale complessiva di materia effettivamente recuperata dalle varie filiere di raccolta differenziata (carta e cartone, sfalci e potature, organico, vetro, plastica, metalli), a seguito anche delle lavorazioni di ulteriore selezione post raccolta, supera il 91%,  uno dei valori più alti nel settore a livello nazionale: come dire che circa il 45% dei rifiuti urbani complessivamente raccolti viene recuperato come materia.

Infine va rilevato che la quantità di rifiuti urbani avviata a termovalorizzazione con recupero energetico nel  primo semestre del 2011 ha sfiorato la percentuale del 35%. Sommando tale dato al 45% di materia recuperata si ottiene che l’80% del monte rifiuti urbani è stato recuperato tra materia ed energia. Il 58,8% del primo semestre 2011 conferma una crescita nella raccolta differenziata non solo rispetto ai primi sei mesi dell’anno scorso, ma anche a fronte del dato annuale 2010 che aveva attestato la raccolta differenziata dei comuni riminesi serviti al 52,8%.

“I risultati positivi della raccolta differenziata di questi primi sei mesi – commenta Edolo Minarelli, Direttore di Hera Rimini – confermano l’impegno messo in campo per migliorare quantità e qualità della raccolta differenziata. Ma è importante ricordare che, in linea le direttive europee, i nostri obiettivi non si limitano ad aumentare le percentuali di differenziata, ma guardano anche a diminuire i conferimenti in discarica, a garantire l’effettivo recupero dei materiali e a sensibilizzare i cittadini, in collaborazione con le Amministrazioni locali,alla progressiva riduzione dei rifiuti prodotti.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento