Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Rimini fa squadra e conquista il Vinitaly di Verona

Sono 9 le aziende riminesi presenti a Verona al Vinitaly, il segno evidente di una nuova energia e di idee fresche

Un gruppo coeso, che racconta prima il territorio e poi i marchi aziendali, orgoglioso di esporre il nuovo logo del comitato di Rimini, una stilizzazione del ponte di Tiberio che firmerà da qui in avanti tutta la comunicazione dei produttori riminesi capitanati da Massimo Lorenzi dell'azienda Ottaviani di San Clemente. Addirittura 9 le aziende riminesi presenti a Verona al Vinitaly, il segno evidente di una nuova energia e di idee fresche per coltivare l'ambizione di fare di Rimini un territorio importante del vino romagnolo e centrare l'obiettivo di entrare nelle sottozone che descrivono la zona più matura della Romagna del vino. In fiera erano presenti con un proprio stand: Tenuta Mara, Le Rocche Malatestiane, Podere Vecciano, Tenuta Saiano, Valle delle Lepri, Fiammetta, Ca' Perdicchi, Enio Ottaviani, San Valentino. Rimini raccoglie i risultati di un primo anno di lavoro, un confronto serrato che ha coinvolto i produttori per mettere a fuoco quello stile fresco ed elegante che caratterizza storicamente il sangiovese delle dolci colline riminesi. «Un vino moderno, che si sposa perfettamente con la cucina di pesce. Il sangiovese di Rimini può diventare il re delle estati in Riviera a patto però di fare grande attenzione alla temperatura di servizio». A parlare è Giorgio Melandri, wine writer romagnolo da sempre impegnato nella promozione della Romagna del vino. Buone notizie dunque è l'apertura di sbocchi che gli anni '90 avevano inchiodato con scelte stilistiche che oggi appaiono finalmente lontane.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimini fa squadra e conquista il Vinitaly di Verona

RiminiToday è in caricamento