La Giunta approva il “pacchetto utenze” in favore di nuclei famigliari a basso reddito

Dal Comune di Rimini arrivano agevolazioni per i lavoratori disoccupati o in cassa integrazione

Un “pacchetto utenze” in favore di nuclei famigliari a basso reddito e lavoratori colpiti dalla crisi per aiutarli nel pagamento delle utenze domestiche relative ai servizi idrici e ai rifiuti (TARI). Per realizzarlo, la Giunta del Comune di Rimini ha approvato, nel corso dell'ultima seduta, due differenti bandi per il rimborso delle spese sostenute per le utenze idriche e per la TARI relative al 2017. Per entrambi, il periodo in cui presentare le domande è quello compreso tra il 19 aprile e il 23 giugno 2017.

TARIPer quanto riguarda il riconoscimento dei rimborsi sulla TARI potranno fare domanda i cittadini residenti nel Comune di Rimini appartenenti ad almeno una delle seguenti categorie: pensionati ultrasessantenni o invalidi dal 74%, con una soglia ISEE di Euro 13.000, soli, con coniuge pensionato anche di età inferiore a 60 anni o con a carico minori di età nferiore a 16 anni. Nuclei famigliari con un valore ISEE fino a Euro 9.000 con redditi da esclusivo lavoro dipendente. Nuclei famigliari in cui è presente almeno una delle seguenti categorie di lavoratori con valore Isee fino a 25.000 euro: lavoratori disoccupati da almeno 2 mesi a causa di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, e/o titolari di co.co.co non rinnovate; lavoratori collocati in cassa integrazione guadagni o sospesi da almeno due mesi e/o interessati da una riduzione dell’orario, pari almeno al 50% del limite contrattuale individuale. ISEE fino a Euro 25.000.

La domanda va presentata sui modelli predisposti dal Comune di Rimini e reperibili negli uffici comunali di via Ducale 7 (piano secondo). Per presentare la domanda è necessario essere già in possesso della Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) aggiornata all’anno 2017. Per aggiornare o produrre una nuova DSU è possibile rivolgersi ai CAF (Centri di assistenza fiscale).

Utenze idriche
Per l’erogazione dei rimborsi possono presentare domande gli utenti domestici residenti con contratto di fornitura diretta o condominiale con un valore ISEE del nucleo famigliare (indicatore della Situazione Economica Equivalente) non superiore a 10 mila euro. Per informazioni e approfondimenti è possibile visualizzare il bando al link:  https://www.comune.rimini.it/sites/comune.rimini.it/files/bando_tari_2017.pdf. Anche in questo caso, per presentare la domanda è necessario essere giàin possesso di DSU aggiornata all’anno 2017.

Per entrambe le tipologie di domanda vanno consegnate al Servizio di protezione sociale del Comune di Rimini – Ufficio Bandi, in Via Ducale n. 7 (dal lunedì al venerdì: dalle ore 8,30 alle ore 12,30 martedì e giovedì: 8,30-12,30 e 15,00-17,00) oppure tramite raccomandata A/R, al seguente indirizzo: Comune di Rimini – Servizio di Protezione Sociale – Ufficio Bandi - VIA DUCALE N. 7 – 47921 RIMINI.

Per le domande e gli allegati inviati via posta farà fede la data del timbro postale. Alla domanda inviata per posta dovrà inoltre essere allegata una fotocopia non autenticata di un documento d’identità valido, di chi sottoscrive la domanda. Per informazioni telefoniche 0541/704689. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento