menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spina Verde, "Il Comune ha ragione": la Corte d’Appello ribalta la sentenza di primo grado

La Corte di Appello di Bologna ha ribaltato la sentenza in primo grado del Tribunale di Rimini, che aveva condannato il Comune a restituire ai privati le aree comprese nel comparto Spina Verde di Miramare

La Corte di Appello di Bologna ha ribaltato la sentenza in primo grado del Tribunale di Rimini, che aveva condannato il Comune a restituire ai privati le aree comprese nel comparto Spina Verde di Miramare, con tanto di risarcimento per una pretesa illecita occupazione delle aree. Tutte richieste che la Corte ha respinto, accertando e dichiarando l’acquisto in capo al Comune di Rimini delle aree oggetto del contendere.

La lunga e complessa vicenda giudiziaria che riguarda il Parco ha le sue radici negli anni Sessanta. Tutto ruota attorno a due procedure per l’acquisizione pubblica di tali aree: la prima, appunto negli anni Sessanta, quando venne approvato un piano di lottizzazione nella zona di Miramare che prevedeva, a carico dei lottizzanti e in cambio dell’edificazione, la realizzazione di tutta una serie di servizi pubblici da realizzarsi prima dell’edificazione privata (non realizzati) tra cui un’area verde resa necessaria dall’intenso sfruttamento edilizio previsto.

La seconda procedura riguarda una vicenda espropriativa avviata negli anni Settanta nell’ambito di un progetto di realizzazione di un più ampio parco pubblico, dotato di giochi e attrezzature, al cui interno era ricompresa anche la precedente area verde. Circa vent’anni dopo gli eredi dei lottizzanti hanno avviato la causa civile chiedendo la restituzione delle aree e il risarcimento dei danni, che tra ricorsi e controricorsi si è protratta fino al giorno d’oggi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento