rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

La rissa fuori dalla discoteca costa il "Daspo urbano" a due 18enni

Per un anno non potranno più frequentare o trovarsi nelle adiacenze del locale dove era nata la scazzottata lo scorso agosto

Una feroce rissa, scoppiata per futili motivi fuori da una discoteca di Misano lo scorso 8 agosto, è costata il "Daspo urbano" o Dacur a due 18enni. Le indagini dei carabinieri avevano permesso di individuare tutti e cinque i partecipanti che, lo scorso novembre, erano stati denunciati a piede libero. A finire nei guai erano stati un 18enne marocchino, un 18enne di Voghera e un 23enne senegalese avevano iniziato a discutere con due italiani di 43 e 35 anni, questi ultimi paninari che avevano le loro attività nei pressi del parcheggio del locale. L'alterco si era poi spostato all'esterno della discoteca dove, dalle parole, si era passato ai fatti con una scazzottata generale interrotta dall'arrivo dei carabinieri. Alla vista dei lampeggianti, tuttavia, il quintetto era fuggito a gambe levate per poi riapparire al pronto soccorso di Rimini dove i feriti erano stati refertati per delle lesioni di media gravità.

Le indagini della Divisione Anticrimine della Questura di Rimini hanno evidenziato come i due più giovani, nonostante l'età, erano già vecchie conoscenze delle forze dell'ordine per una serie di reati contro la persona e il Questore ha emesso nei loro confronti l'ulteriore provvedimento che gli vieta l'accesso alla discoteca interessata per 1 anno potranno solo transitare, ma non stazionare, né fermarsi nelle adiacenze del locale. Un terzo provvedimento verrà emesso a breve nei confronti di un altro giovane responsabile. La violazione del Dacur comporta la reclusione da 6 mesi a 2 anni e la multa dal 8.000 a 20.000 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rissa fuori dalla discoteca costa il "Daspo urbano" a due 18enni

RiminiToday è in caricamento