San Giovanni in Marignano, 20mila euro a sostegno della disabilità nelle scuole

La somma è stata stanziata attraverso la varazione di bilancio del Consiglio comunale del 26 settembre scorso

Ammontano a 20mila gli euro stanziati dall'amministrazione comunale di San Giovanni in Marignano a favore del sostegno scolastico dei bambini e ragazzi con disabilità e per i primi due anni delle Scuole Superiori (obbligo scolastico). La somma è stata stanziata attraverso la varazione di bilancio del Consiglio comunale del 26 settembre scorso. "Tale aumento di stanziamento economico si somma all’ulteriore incremento di 30mila euro deciso dalla Giunta nei mesi scorsi, per un totale di 50mila euro in più nel 2017 rispetto a quelli stanziati in previsione - illustrano il sindaco Daniele Morelli e l'assessore alla Pubblica Istruzione Michela Bertuccioli -. L’innalzamento del numero di casi diagnosticati ha sollevato l’importante questione etica di garantire agli alunni con disabilità una regolare frequenza scolastica. Per l’anno scolastico 2016/2017 la richiesta di educatori presentata al Comune era a consuntivo di 4112 ore; per l’anno scolastico 2017/2018 la richiesta è stata di 7046 ore".

"Il forte aumento della domanda, sommato all’incremento del costo orario dell’educatore professionale, ha determinato un rilevante intervento di bilancio che prevede per il 2018 un ulteriore innalzamneto che farà indicativamente passare da un investimento nel 2017 di 105.000,00 euro a quello di 175.000,00 euro - proseguno gli amministratori -. Il fenomeno di progressivo incremento dei alunni diagnosticati, sembra varcare i confini comunali e testimonia quanto la responsabilità di copertura di questo importante servizio interessi sempre di più le casse comunali". Bertuccioli specifica inoltre che "l'amministrazione non ha mai preso in considerazione di arretrare su questo importante servizio. La vita sociale dei bambini e ragazzi disabili si concentra in forma rilevante all’interno dell’esperienza scolastica e non garantire la copertura oraria del sostegno implicherebbe, soprattutto per i casi più gravi, l’impossibilità di frequentare, cioè una forma di esclusione ed isolamento. Abbiamo anche chiesto, nel corso del tavolo tecnico annuale, agli Istituti Scolastici e all’Asl la massima collaborazione per capire come investire al meglio risorse sempre più elevate. Condividiamo anche l'intenzione che Stefano Versari, direttore dell'Ufficio Scolastico Territoriale, sta dimostrando nel mettersi al lavoro con tutti i referenti istituzionali per cercare di comprendere meglio il fenomeno che si sta verificando negli ultimi anni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento