Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

"Serve un Cura Città da 5 miliardi di euro, senza i Comuni l'Italia crolla": l'appello dei sindaci

"Sono necessari poteri speciali per far ripartire i cantieri e velocizzare gli investimenti. Se saltano gli enti locali salta la coesione sociale e il Paese"

E' un grido d'allarme, scritto nero su bianco al Governo da un lungo elenco di sindaci del centrosinistra e civici, fra cui il primo cittadino di Rimini Andrea Gnassi ed Enzo Lattuca, alla guida di Cesena. Gli amministratori chiedono che nel decreto di aprile "un'azione shock sugli enti locali, con almeno 5 miliardi di euro stanziati e poteri speciali per i sindaci nel 2020 per far ripartire i cantieri e velocizzare gli investimenti. Se saltano gli enti locali salta la coesione sociale e il Paese, mentre invece i sindaci devono diventare le 8 mila colonne sulle quali far poggiare la ricostruzione del Paese".

I sindaci chiedono inoltre, che sia istituita la figura del "sindaco semplificatore" per la ricostruzione e la sburocratizzazione generalizzata. Servono poteri speciali ai sindaci in deroga al Codice degli Appalti e alle sovrintendenze per velocizzare al massimo le opere più importanti e la ripartenza dei cantieri. Ci rivolgiamo quindi al Presidente Conte e al Governo. Siamo uniti e in prima linea con voi, ma metteteci in condizione di salvare la coesione sociale ed essere protagonisti della fase 2 e della ricostruzione".

Il sindaco Gnassi: "Comuni sull'orlo del dissesto"

E, ancora, "Se prendiamo la vicenda dei buoni spesa o il ponte Morandi, i sindaci hanno dimostrato velocità, competenza e affidabilità. Tutte caratteristiche fondamentali per il nostro Paese in questa fase storica emergenziale. Noi ci siamo, a servizio del Paese. Sulla base di queste considerazioni ribadiamo il massimo supporto all'iniziativa dei presidenti di Anci e Upi e auspichiamo che il positivo tavolo istituzionale aperto oggi possa avere un esito chiaro che risponda alle nostre richieste".

Tra i sindaci firmatari dell'appello ci sono anche Matteo Ricci (sindaco di Pesaro), Dario Nardella (sindaco di Firenze), Giorgio Gori (sindaco di Bergamo), Giuseppe Sala (sindaco di Milano), Mattia Palazzi (sindaco di Mantova), Leoluca Orlando (sindaco di Palermo), Federico Pizzarotti Federico (sindaco di Parma), Brenda Bernini (sindaco di Empoli), Carlo Salvemini (sindaco di Lecce), Emilio Del Bono (sindaco di Brescia), Valeria Mancinelli (sindaco di Ancona). Una lunga lista che attraversa l'Italia da Nord a Sud, arrivando fino alla Sicilia e alla Sardegna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Serve un Cura Città da 5 miliardi di euro, senza i Comuni l'Italia crolla": l'appello dei sindaci

RiminiToday è in caricamento