Si fingono tecnici dell'acquedotto e tentano di truffare un'anziana

E' successo mercoledì mattina a Cattolica. Tre individui hanno cercato con prepotenza di entrare nell'abitazione di un'ottantenne. A dare l'allarme è stata la figlia della donna, che si trovava a casa dell'anziana

Finti tecnici dell'acquedotto in azione. E' successo mercoledì mattina a Cattolica. Tre individui hanno cercato con prepotenza di entrare nell'abitazione di un'ottantenne. A dare l'allarme è stata la figlia della donna, che si trovava a casa dell'anziana. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile che, una volta giunti, hanno appurato i fatti, facendosi descrivere i malfattori nonché il mezzo da loro utilizzato per scappare. Fortunatamente non avevano asportato nulla. Indagini in corso.

Gli uomini dell'Arma continueranno ad assicurare la massima vicinanza con ogni risorsa disponibile. "In casa non bisogna aprire la porta a chiunque - evidenziano i Carabinieri -. E' necessario ricordarsi che "la prevenzione è la migliore difesa", mai fidarsi delle apparenze. Il truffatore per farsi aprire la porta ed introdursi nelle vostre case può presentarsi in diversi modi. Spesso è una persona distinta, elegante e particolarmente gentile. Dice di essere un funzionario delle Poste, di un ente di beneficenza, dell'INPS, o un addetto delle società di erogazione di servizi come luce, acqua, gas, etc. e talvolta un appartenente alle forze dell'ordine. Di solito il controllo domiciliare delle utenze domestiche viene preannunciato con un avviso che indica il motivo, il giorno e l'ora della visita del tecnico".

Un decalogo speditivo può essere d’utilità:
non aprire agli sconosciuti e non fateli entrare in casa. Diffidare degli estranei che fanno visite in orari inusuali, soprattutto se in quel momento vi è una sola persona in casa;

non mandare i bambini ad aprire la porta;

comunque, prima di aprire la porta, controllare dallo spioncino e, se vi è una persona mai vista, aprire con la catenella attaccata;
in caso di consegna di lettere, pacchi o qualsiasi altra cosa, farli lasciare nella cassetta della posta o sullo zerbino di casa. In assenza del portiere, firmare la ricevuta aprendo con la catenella attaccata;

prima di fare entrare una persona, bisogna accertarsi della sua identità ed eventualmente facendo mostrare il tesserino di riconoscimento;
nel caso in cui si abbaino ancora dei sospetti, telefonare all'ufficio di zona dell'Ente e verificate la veridicità dei controlli. Attenzione a non chiamare utenze telefoniche fornite dagli interessati perché dall'altra parte potrebbe esserci un complice;

tenere a disposizione, accanto al telefono, un'agenda con i numeri dei servizi di pubblica utilità (Enel, Telecom, Acea, etc.) così da averli a portata di mano in caso di necessità;

non dare soldi a sconosciuti che dicono di essere funzionari di Enti pubblici o privati di vario tipo;

mostrare cautela nell'acquisto di merce venduta porta a porta;

se inavvertitamente è stata aperta la porta ad uno sconosciuto e, per qualsiasi motivo, ci si sentite a disagio, non perdere la calma, bisogna aprite la porta e, se è necessario, ripetere l'invito ad alta voce. In generale, per essere tutelati dalle truffe bisogna diffidare sempre dagli acquisti molto convenienti e dai guadagni facili: spesso si tratta di truffe o di merce rubata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento