menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aeroporti, Marcello (FdI): "Fallimento della strategia regionale"

"Negli ultimi 10 anni prima dei due fallimenti, Rimini e Forlì si sono “rubati” i turisti, ma il totale di questi flussi è rimasto invariato a dimostrazione che il bacino di utenza non è diverso"

Aeroporti di Rimini e Forlì. E se la Regione spegne quella che viene già definita da molti come una "guerra dei cieli", la vede molto diversamente il consigliere comunale riminese di Fratelli d’Italia Nicola Marcello. "Ciò che sta emergendo con la riapertura dell’aeroporto di Forlì è il fallimento della strategia regionale sugli aeroporti, che è bene ricordare, rientra tra le competenze che la Costituzione le affida".

Aeroporti, l'intervento della Regione

Aeroporti, l'intervento di Pecci (Lega)

"Del resto chi non ha la memoria corta ricorderà che solo pochi anni fa la Regione voleva costruire un holding degli aeroporti, proprio per condizionare le vocazioni dei singoli scali ed eliminare una concorrenza che andava solo a vantaggio delle compagnie aeree senza aumentare per nulla il numero totale dei turisti che si servivano dell’aereo per raggiungere la nostra riviera. Siamo invece passati in poco tempo da un dirigismo di stampo sovietico ad un liberismo sfrenato in cui l’Assessore Corsini si limita a dire che si tratta di una questione tra privati regolata dal mercato. In realtà non si è avuto il coraggio di considerare chiusa la questione dell’aeroporto di Forlì dopo il fallimento ed invece la politica forlivese si è fossilizzata su una miope visione campanilistica per avere un aeroporto fotocopia di quello di Rimini già riaperto è funzionante dal 2015".

Prosegue Marcello: "Negli ultimi 10 anni prima dei due fallimenti, Rimini e Forlì si sono “rubati” i turisti, ma il totale di questi flussi è rimasto invariato e sempre sotto il milione di passeggeri a dimostrazione che il bacino di utenza per due aeroporti identici non è molto diverso, anzi tropo spesso coincidente, come stiamo già vedendo in questi primi mesi. Oggi il danno è fatto e proprio quella politica regionale così latitante finora, dovrebbe spingere l’aeroporto di Forlì verso una propria vocazione particolare, specializzata e se vogliamo di qualità in campo nazionale. Voli commerciali cargo a coprire il territorio da Bologna fino a Pesaro e San Marino e soprattutto Scuola di Volo Nazionale ed Internazionale, aperta ed a servizio degli aspiranti piloti del Mondo Afro-Asiatico che ogni anno vengono in Europa con notevoli disponibilità economiche per intraprendere la professione “Nobile” di pilota civile a militare".

Chiosa Marcello: "Allo stesso modo, la Regione dovrebbe implementare la vocazione turistica dell’aeroporto di Rimini che oggi, a differenza che in passato, non pesa sui bilanci pubblici per la propria gestione ma anzi è in grado di contribuire, anche con proprie risorse, al rilancio di nuove rotte. Se così non sarà, il rischio di bruciare risorse private ma anche tante pubbliche è reale, ed in questo momento non possiamo certo permettercelo soprattutto in un settore come quello turistico così toccato dalla pandemia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verucchio, inaugurata dal sindaco una nuova pizzeria d'asporto

social

Cassoni riminesi, la ricetta per farli in casa

Giardino

Bonus Verde 2021: nuovo look al giardino spendendo poco

social

Rimini sotterranea tra misteri e curiosità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

  • Alimentazione

    Dimagrire con la dieta del riso rosso

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento