menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Diabete, mille nuovi casi nel 2013 nel riminese: Arlotti interroga il ministro Lorenzin

Il deputato Pd riminese Tiziano Arlotti ha presentato un'interrogazione al ministro della Salute Beatrice Lorenzin, chiedendo a quale punto sia l'iter di presentazione della relazione annuale di aggiornamento

Il diabete è diventato una vera e propria epidemia a livello globale, destinata a crescere in modo esponenziale nei prossimi anni e che merita maggiore attenzione da parte del governo per la cura e la tutela dei malati. Per questo il deputato Pd riminese Tiziano Arlotti ha presentato un'interrogazione al ministro della Salute Beatrice Lorenzin, chiedendo a quale punto sia l'iter di presentazione della relazione annuale di aggiornamento o sullo stato delle conoscenze e delle nuove acquisizioni scientifiche in tema di diabete, e quali azioni siano in programma per garantire cure sempre più appropriate alle persone affette da diabete e per la prevenzione di tale patologia.

"In Italia sono oltre 3 milioni le persone affette da diabete ed almeno altrettante ne soffrono senza saperlo - evidenzia Arlotti -. In provincia di Rimini il registro di patologia diabetica mostra la presenza di 17.000 persone nel 2012, con nuovi 1.000 casi nel 2013. I bambini seguiti dal Servizio di diabetologia pediatrica dell'Ausl di Rimini sono circa 80. Circa il 90 per cento della popolazione diabetica è affetta da diabete tipo 2, mentre solo una minoranza è affetta da diabete tipo 1".

L'Italia, continua il deputato, si trova nella peculiare situazione di avere sin dal 1987 una legge a tutela dei diritti delle persone con diabete mellito, e con il Piano Sanitario Nazionale 2011-2013 ha posto il diabete, insieme ad altre malattie croniche non trasmissibili, fra le priorità per il Sistema sanitario nazionale. "La stessa legge dell'87 prevede che il ministro, sentito l'Istituto superiore di sanità, presenti annualmente al Parlamento una relazione di aggiornamento sullo stato delle conoscenze e delle nuove acquisizioni scientifiche in tema di diabete, con particolare riferimento ai problemi concernenti la prevenzione. E' dunque doveroso che il ministro ci dica a che punto è l'iter di presentazione della relazione e quali iniziative intenda assumere, anche considerato il prossimo semestre europeo presieduto dall'Italia, per lo stanziamento di fondi per progetti sull'alimentazione per il diabete di tipo 2 e la cura definitiva del diabete di tipo 1".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento