menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Estorce gioielli a una testimone di mafia, nuovi guai per l'avvocatessa infedele

La professionista riminese, già accusata di peculato nei confronti dei suoi clienti ai quali aveva prosciugato il patrimonio, si sarebbe impossessata di uno scrigno di preziosi

Dovrà rispondere anche di estorsione nei confronti di una testimone di mafia l'avvocatessa riminese 38enne arrestata, lo scorso gennaio, per peculato. Alla professionista tutt'ora agli arresti domiciliari, che nella sua qualità di amministratrice di sostegno ha prosciugato i conti correnti dei suoi assistiti tra cui il clochard a cui nel 2008 venne dato fuoco sulla panchina su cui dormiva, è infatti imputato un nuovo episodio che vede come vittima una collaboratrice di giustizia. La donna, infatti, si era rivolta all'avvocatessa nel 2012 per affidarle l'incarico di promuovere la causa per l'aggiornamento delle sue generalità. Per la pratica, la 38enne si sarebbe fatta pagare dalla cliente con 3mila euro in contanti e, a garanzia dei futuri pagamenti, la testimone di mafia le aveva anche consegnato uno scrigno con tutti i gioielli di famiglia. Monili in oro e pietre preziose, lasciati come pegno, che la cliente avrebbe poi riavuto pagando la parcella dell'avvocato. I problemi sono sorti quando la testimone di mafia si è accorta che l'avvocato non aveva avviato alcuna pratica e che la causa per l'aggiornamento delle generalità non stava procedendo. L'estorsione è scattata  quando la cliente, chiedendo spiegazioni all'avvocato sul perchè tutto era fermo, ha preteso la restituzione degli oggetti d'oro lasciati in deposito a garanzia del pagamento. La 38enne, a questo punto, le avrebbe risposto di essere a conoscenza delle vere generalità dell'assistita e, nel caso, di sapere a chi comunicarle facendo chiaro riferimento al ruolo di testimone di mafia della donna. L'avvocatessa riminese, oltre all'indagine per peculato, è accusata anche di aver falsificato alcuni documenti del Tribunale di Milano per convincere i suoi clienti della bontà delle proprie azioni,

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento