rotate-mobile
Incidenti stradali

Lo strazio di colleghi e amici dopo l'incidente. "Un uomo gentile che combatteva per le persone fragili"

Tanti messaggi di vicinanza alla famiglia, dopo il terribile incidente in moto in cui ha perso la vita Umberto Estate: "Come si può spiegare un dolore così, sentivo la tua voce in ogni angolo"

I colleghi sono sotto choc. Non si danno pace, di quanto accaduto. Umberto Estate, l’uomo che ha perso la vita sulla Statale 16 dopo l’impatto tra la sua motocicletta e due autovetture, era un operatore socio sanitario. Lavorava a Luce sul Mare, un centro di riabilitazione che si trova a Bellaria Igea Marina, ed era ben voluto da tutti. La stessa struttura socio sanitaria ha dedicato parole di dolcezza e conforto alla famiglia nel ricordare Umberto, che aveva 62 anni ed era residente poco lontano dal punto in cui è avvenuto l’incidente. “Per tutti noi, per Luce sul Mare, è un giorno molto triste – scrive la cooperativa sociale sui suoi profili -, di quelli che non vorresti vivere mai. Il nostro Umberto Estate se ne è andato così, in un caldo e afoso lunedì, un incidente in moto è stato fatale per lui. Vogliamo però ricordarlo così, sorridente, bello, un uomo dal cuore gentile, disponibile, sempre pronto a combattere le battaglie per la dignità, il rispetto, di ogni persona fragile, dei lavoratori. Un grandissimo abbraccio da tutti i tuoi colleghi, caro Umberto, che oggi tristi, piangono la tua scomparsa. Condoglianze vivissime alla famiglia”.

Tanti sono stati i messaggi di cordoglio che si sono susseguiti. Da parte di colleghi e amici. Anche a sostegno dei familiari. “Come si può spiegare a parole un dolore così – è uno dei tanti messaggi sui social -, sentivo la tua voce in ogni angolo del reparto. Sei e rimarrai in eterno una persona con un cuore enorme come l’immensità”. E ancora, i messaggi si susseguono. “Gran bella persona e professionalmente preparato. Riposa in pace bell'anima. Sentite condoglianze ai suoi cari e familiari”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo strazio di colleghi e amici dopo l'incidente. "Un uomo gentile che combatteva per le persone fragili"

RiminiToday è in caricamento