Cronaca

Individuati dalla polizia di Stato i presunti accoltellatori di Bellariva

Fermati due tunisini sospettati di aver ferito tre marocchini fuori da un locale nella notte tra martedì e mercoledì

Gli inquirenti della Squadra mobile di Rimini hanno individuato e sottoposto a fermo i presunti autori dell'accoltellamento avvenuto nella nottr tra il 10 e l'11 agosto fuori da un locale di Bellariva. Ad essere finiti in manette sono stati due tunisini di 19 e 20 anni che, armati di coltello, avrebbero ferito tre marocchini tra cui un 38enne attualmente ancora ricoverato al "Bufalini" di Cesena in prognosi riservata. Secondo quanto ricostruito, quella notte intorno alle 2 nei pressi di un pub di via Fano i fermati avevano iniziato a litigare con gli avversari pare per futili motivi. Dalle parole si è presto passati ai fatti e, tra i contendenti, sono spuntati i coltelli con tutti e cinque i partecipanti che sono rimasti feriti dai fendenti. Era scoppiato il caos e, sul posto, si era precipitata una pattuglia dei carabinieri ma all'arrivo dei militari dell'Arma i due gruppi erano già spariti. Poco dopo, però, i marocchini erano riapparsi davanti al pronto soccorso in cerca di aiuto per le ferite riportate. Il più malmesso è risultato essere il 38enne, che vive e lavora a Rimini in possesso di regolare permesso di soggiorno, trasferito d'urgenza nel nosocomio cesenate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Individuati dalla polizia di Stato i presunti accoltellatori di Bellariva

RiminiToday è in caricamento