Cronaca

Parco del Mare, arriva un assegno da 20 milioni. Ci sono i soldi per rifare il look di tutta Rimini Sud

Cantieri per 70mila metri quadrati grazie al Pnrr. Via ai progetti dei tratti del lungomare Murri, Marebello-Rivazzurra e Spadazzi-Bolognese

Il 2022 di Rimini inizia con l'arrivo in dote di un assegno da 20 milioni di euro. "Iniziamo l'anno davvero con una buona notizia", fa esordio il sindaco Jamil Sadegholvaad. Anche perché il "tesoretto" in arrivo da Roma servirà per portare a compimento uno dei cavalli di battaglia a lungo rilanciati nel corso della campagna elettorale. Ovvero realizzare in toto Parco del Mare nella zona di Rimini Sud. Dopo i 49 milioni di euro captati per il prolungamento del Metromare fino alla Fiera, il decreto in arrivo dal Ministero dell'Interno prevede altri 20 milioni dirottati su Rimini direttamente dal Pnrr.

Secondo il primo cittadino: "Con questa operazione riusciremo a mantenere le promesse e dare un volto completamente nuovo, nel corso dei prossimi anni, alla zona di Rimini Sud". Soddisfatta anche l'assessora Roberta Frisoni: "E' una notizia straordinaria, entro la fine del 2023 partiranno anche i nuovi lotti del Parco del mare". E c'è già un cronoprogramma piuttosto definito: il 2022 servirà per la progettazione, con un milione di euro da destinare a definitivo ed esecutivo, subito dopo l'estate del 2023 arriveranno le ruspe.

Un nuovo look per tutta Rimini Sud

Con i 20 milioni in arrivo dal Pnrr si procederà alla realizzazione dei lotti 6, 7 e 9 del Parco del Mare. Le risorse sono già state definite per annualità: 1,5 milioni per il 2022, 5,6 milioni per il 2023, 5,4 milioni per il 2024, 3,9 milioni per 2025 e infine 3,4 milioni per il 2026. "L'opera vedrà riqualificati 70 mila metri quadrati di lungomare", dice orgoglioso il sindaco. In continuità con quanto già realizzato sul lungomare Tintori e Spadazzi e con quanto in corso d’opera nei tratti 2 e 3, i progetti dei tratti 6 (lungomare Murri, da piazzale Gondar a viale Siracusa), 7 (lungomare Marebello-Rivazzurra, da viale Siracusa a via Latina) e 9 (lungomare Spadazzi - Bolognese, Miramare), consentiranno di completare il grande parco urbano della marina riminese, restituendo questi luoghi ad una fruizione pubblica di elevata qualità sotto i profili del comfort urbano, liberando il waterfront dalla presenza della viabilità carrabile. L’obiettivo è quello di proporre un concetto di benessere legato al verde, alle dune, al mare, promuovendo la vita all’aria aperta, il benessere e lo sport, attraverso diverse funzioni e attività che aspirano ad estendere l’uso del parco durante tutto l’anno.  

Nuove aree benessere e playground

Nella fascia lato mare si potrà passeggiare su un rivestimento ligneo a ridosso dell’arenile, riqualificato con dune e vegetazione e nuovi accessi a mare, mentre percorso ciclabile e viabilità di servizio saranno separate con percorsi dedicati. La fascia centrale sarà dedicata alle funzioni: dal benessere, allo sport con isole fitness e playground, al relax con sedute e aree verdi, ai giochi per bambini ispirate alla fantasia e all’immaginario di Gianni Rodari, con stazioni immaginarie e giostre, per offrire alle famiglie aree ludiche creative e innovative, integrate con il paesaggio del lungomare. 

L'ex colonia Bolognese torna all'asta - Il sindaco: "Il nuovo lungomare creerà appeal"

Due nuovi belvedere saranno progettati armonicamente con il contesto circostante in piazzale Toscanini a Bellariva e uno all’altezza dei giardini di Rivazzurra, sul modello di quanto realizzato in piazzale Kennedy, opera simbolo di un intervento dove la riqualificazione urbana si sposa con il risanamento ambientale. Così avverrà anche per il belvedere di Rivazzurra, dove sarà realizzata la nuova vasca di laminazione della fossa Rodella, uno degli interventi previsti nel Piano di salvaguardia della Balneazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco del Mare, arriva un assegno da 20 milioni. Ci sono i soldi per rifare il look di tutta Rimini Sud
RiminiToday è in caricamento