Il primo arresto non è bastato: ancora stalking verso l'ex

Una 36enne di Vittoria (Ragusa), residente a Rimini, è finita in esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata sabato per stalking

Due arresti e cinque denunce dei Carabinieri della stazioni di Rimini nella nottata tra sabato e domenica. Una 36enne di Vittoria (Ragusa), residente a Rimini, è finita in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata sabato per stalking. Gli uomini dell’Arma hanno accertato che il 25 gennaio scorso aveva continuato a tormentare la vita ad una coppia riminese con sms molesti e persecutori nonostante si trovasse agli arresti domiciliari.

La magistratura, verificando l’indifferenza per il rispetto delle prescrizioni che erano state imposte alla donna con la pregressa misura cautelare, ne ha ordinato la cattura. Ora si trova in carcere a Forlì. Una 57enne di Isernia è stata invece arrestata in esecuzione ad un ordine firmato dalla Corte d’Appello di Bologna poiché deve scontare sette anni di reclusione per violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia commessi dal 1999 al 2006 a Riccione e Rimini.

Sono inoltre state denunciate cinque prostitute, tutte di nazionalità romena. Due, rispettivamente di 25 e 27 anni, sono finite nei guai per aver violato l’ordinanza del sindaco Andrea Gnassi, mentre le altre tre, rispettivamente di 25, 27 e 37 anni, perché non hanno ottemperato al foglio di via.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento