Ritorna per l'anno scolastico 2017-18 il progetto "Legalità e sicurezza sul lavoro"

Il costo della realizzazione dell'intero progetto annuale sarà di dieci mila euro, distribuiti tra tutti gli enti partner del progetto

L'anno scorso sono stati 650 gli alunni, provenienti da 9 istituti scolastici della provincia di Rimini, che hanno partecipato al progetto “Legalità e sicurezza sul lavoro”. Un progetto storico, attivo dal 1999, che la giunta del Comune di Rimini ha approvato anche per l'anno scolastico 2017/2018. Il Comune di Rimini sarà l'ente coordinatore del progetto che vede la collaborazione degli Enti Territoriali, delle Istituzioni e delle Organizzazioni sindacali di categoria del territorio riminese (Inail, Inps, Cgil, Cisl, Uil, Provincia di Rimini, Ufficio Scolastico Provinciale, Direzione Territoriale Lavoro di Rimini, Ausl Romagna, Ordine Consulenti del Lavoro, Associazione Nazionale Mutilati Invalidi del Lavoro).

Il progetto intende favorire l’avvicinamento degli studenti delle Scuole secondarie di secondo grado del Territorio riminese alla cultura della sicurezza e della legalità sul lavoro attraverso percorsi formativi sui seguenti temi: normativa del lavoro e della legalità; tipologia dei rapporti di lavoro (autonomo, dipendente); aspetti assicurativi e tutele del lavoratore; normativa sulla sicurezza e salute nei posti di lavoro ed in itinere; le forme di lavoro irregolare. Il costo della realizzazione dell'intero progetto annuale sarà di dieci mila euro, distribuiti tra tutti gli enti partner del progetto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli amici del bar non lo vedono da giorni, ritrovato cadavere in casa

  • Vent'anni fa l'arrivo dal Senegal, la sfida di Sonia: "Apro la mia trattoria romagnola"

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, prevenzione e modalità di trasmissione

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Vasco Rossi si fermerà a Rimini per venti giorni: le date del "soggiorno"

  • Il Comune pronto a demolire balconi trasformati in verande e sale da pranzo coperte

Torna su
RiminiToday è in caricamento