rotate-mobile
Cronaca Riccione

Gli studenti "invadono" il municipio e si innamorano del cane-poliziotto Ziko

Una classe quinta della scuola Marina Centro Zavalloni ha visitato il Municipio nell’ambito di un percorso di didattica alternativa e di educazione alla cittadinanza

Il Centenario di Riccione, l’antico logo del Comune e tante domande rivolte agli amministratori. Una classe quinta della scuola Marina Centro Ic Zavalloni ha visitato il Municipio nell’ambito della Settimana Zavalloniana, ossia un percorso di didattica alternativa e di educazione alla cittadinanza che ha permesso alla scolaresca, accompagnata dalle proprie insegnanti, di toccare con mano e scoprire come funziona la macchina comunale.

“Una domanda che mi sono sempre posto da piccolo - ha detto un bambino di 10 anni - è come si organizzano eventi e concerti? E’ impegnativo il vostro lavoro? E qual è la parte che vi piace di più?”. Sono solo alcune delle molte domande alle quali hanno risposto il vicesindaco Laura Galli, gli assessori Alessandra Battarra e Luigi Santi, il presidente del Consiglio comunale Gabriele Galassi e il capo di gabinetto, l’architetto Roberto Cesarini che ha illustrato all’esterno del Municipio la storia dell’edificio comunale di via Vittorio Emanuele II.

Grande entusiasmo quando gli scolari hanno conosciuto da vicino l’Unità cinofila della Polizia Locale del Corpo Intercomunale di Riccione composta dal cane Ziko accompagnato dal suo istruttore, l’agente scelto Luca Biagini. Il pastore tedesco grigione con un’operazione simulata ha conquistato bambini e insegnanti. Carta d’identità e registrazione di nascita sono stati invece alcuni dei tanti argomenti toccati con il dipendente comunale dei Servizi Demografici, William Damiani. Una mattinata intensa per i piccoli riccionesi ai quali è stato consegnato l’attestato di partecipazione “Cittadini attenti e consapevoli” del Comune di Riccione.

“Il confronto con gli studenti - commentano il vicesindaco e assessore ai Servizi alla persona, Laura Galli e l’assessore ai Servizi educativi Alessandra Battarra - è sempre emozionante. Gli alunni possono vedere che dietro il termine Comune ci sono delle persone che lavorano e cercano di trovare le migliori soluzioni per la vita e l’economia della comunità. Apprendere l’educazione civica anche dal diretto contatto con le istituzioni. E’ questo l’insegnamento che oggi abbiamo voluto trasmettere. Altre scuole primarie di primo grado ci hanno chiesto di ripristinare le visite negli uffici comunali a dimostrazione dell’interesse di insegnanti e bambini verso questo tipo di esperienze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti "invadono" il municipio e si innamorano del cane-poliziotto Ziko

RiminiToday è in caricamento