Necropoli di via Simonini, i costruttori: "Seguiamo attentamente campagna archeologica"

"Una ditta specializzata sta effettuando una sorveglianza continua su tutta la movimentazione terra"

Foto archivio

"La notizia di un esposto relativo al presunto occultamento di beni archeologici nell’area del vecchio Palacongressi della Fiera di Rimini ci ha profondamente sorpreso". A commentare gli sviluppi sul ritrovamento della necropoli del I secolo d.C., nella zona dove sorgerà il complesso Acquarena e, più in particolare, le palazzine residenziali, è l'azienda che si sta occupando degli scavi. Già il Comune di Rimini aveva annunciato di seguire attentamente gli sviluppi della vicenda e adesso, alla luce del nuovo esposto presentato da Carmine Pistillo ai carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio Artistico, arrivano le precisazioni dei costruttori. "Sin dall’inizio - spiegano questi ultimi in una nota stampa - il cantiere sta procedendo secondo le indicazioni pervenute dalla Soprintendenza, con assistenza costante e giornaliera di archeologi professionisti che, oltre a recuperare i reperti rinvenuti, svolgono una supervisione attenta e puntuale di tutti gli scavi. Questo nonostante l’area sia classificata 'a bassa potenzialità archeologica' dagli atti, che sono pubblici e consultabili in ogni momento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A partire da settembre - aggiungono - la società di archeologi Tecne srl, accreditata presso la Soprintendenza e in possesso di tutti i requisiti di legge, sta effettuando una sorveglianza continua su tutta la movimentazione terra. La sorveglianza è in corso anche nelle aree in cui il Piano Urbanistico Comunale (PUC) indica che sono già stati realizzati scavi in profondità negli anni passati. Su richiesta della Soprintendenza sono stati eseguiti anche 50 carotaggi, un numero elevato per gli standard, nelle aree ritenute più interessanti dal punto di vista archeologico. La zona lungo via Simonini è stata omessa poiché quest’area era già stata precedentemente sottoposta a scavi. Lo si può riscontrare negli atti, da cui risulta la presenza di un vecchio parcheggio interrato a servizio dell’edificio polifunzionale che esisteva su questa porzione di terreno. L’area di via Simonini è costantemente sottoposta a controllo archeologico in corso d’opera. Questo ha permesso di individuare e portare alla luce una serie di sepolture di epoca romana, a una prima indagine apparse invero piuttosto comuni, e uno strato preistorico, che è in fase di scavo. Sulla vocazione di tale scavo, al vaglio delle autorità preposte, non è ancora possibile fornire dati certi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento