rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca

Salvataggio, i sindacati "strigliano" i comuni. "Il servizio va esteso per tutto il mese di settembre"

Apello di Cgil e Cisl: "E' necessario che i Comuni dicano pubblicamente se ritengono di estendere il servizio"

Il servizio di salvataggio deve essere esteso fino al termine del mese di settembre. E' questa la posizione dei sindacati Filcams Cgil Rimini e Fisascat Cisl Romagna a seguito delle valutazioni espresse dall’associazione provinciale Salvataggi che ha chiesto la proroga del servizio di salvamento fino all’ultimo fine settimana di settembre. I sindacati fanno appello alle amministrazioni comunali costiere "affinché proroghino il servizio di salvamento e lo facciano in forma piena. Una proroga parziale del salvamento a giornate ridotte, o peggio a torrette alternate, costituirebbe un grave precedente. Infatti, da un lato non si darebbe una risposta adeguata ai bisogni di turisti e residenti e dall'altro si sottoporrebbero i marinai al lavoro improbo di vigilare specchi d'acqua troppo ampi".

Lo scorso 4 agosto i sindacati informano di aver scritto formalmente agli assessorati al Demanio dei cinque comuni costieri sollecitando la decisione e rendendosi disponibili ad un confronto; confronto che con le organizzazioni sindacali non si è ancora avviato. "Non vorremmo essere coinvolti a mediazione già raggiunta: con i concessionari demaniali s'intende - scrivono Cgil e Cisl -. L'assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna il 16 marzo 2021 ha impegnato la giunta regionale a valutare il prolungamento del salvamento almeno fino alla fine del mese di settembre. A quella risoluzione non ha fatto seguito alcunché. Per cessare questo rimpallo di responsabilità è necessario che i Comuni dicano pubblicamente se ritengono di estendere il servizio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvataggio, i sindacati "strigliano" i comuni. "Il servizio va esteso per tutto il mese di settembre"

RiminiToday è in caricamento