rotate-mobile
Cronaca Cattolica

Ufficializzate nove bandiere blu in Emilia Romagna, a Cattolica non viene rinnovato il riconoscimento

In provincia confermato il riconoscimento a Bellaria Igea Marina, Riccione e Misano Adriatico

Le Bandiere Blu 2023 sono state assegnate dalla Foundation for Environmental Education (Fee) a 226 Comuni e 84 approdi turistici: 226 Comuni italiani, per complessive 458 spiagge. Alcune novità in Emilia Romagna: Gatteo Mare conquista la bandiera blu, mentre Cattolica la perde. Sono nove in Emilia-Romagna le località che potranno fregiarsi del riconoscimento che ogni anno premia le località marine o lacustri sulla base della pulizia delle acque, la gestione dei rifiuti, le aree verdi e le piste ciclabili, i servizi sulle spiagge e nel comune, le strutture alberghiere e altro.

Confermate le altre bandiere: si tratta di Comacchio, Ravenna, Cervia, Cesenatico, San Mauro Pascoli, Bellaria Igea Marina, Riccione e Misano Adriatico.

Analizzando i risultati ottenuti in questa edizione, si nota un trend di crescita delle località Bandiera Blu rispetto al precedente anno. Sono 226 i Comuni che hanno ottenuto il riconoscimento, 16 in più rispetto ai 210 dello scorso anno: 17 sono i nuovi ingressi, 1 il Comune non confermato. In particolare, la Liguria segna 2 nuovi ingressi e raggiunge 34 località, la Puglia sale a 22 riconoscimenti con 4 nuovi Comuni. Seguono con 19 Bandiere: la Campania e la Toscana, entrambe con un nuovo ingresso; la Calabria con due nuove Bandiere Blu. Le Marche salgono a 18, con un nuovo ingresso. La Sardegna conferma le sue 15 località, l’Abruzzo resta a 14, la Sicilia a 11, il Lazio a 10. Rimangono invariate anche le 10 bandiere del Trentino Alto Adige. L’Emilia Romagna vede premiate 9 località con un’uscita e un nuovo ingresso; sono riconfermate le 9 Bandiere del Veneto. La Basilicata conferma le sue 5 località; si registrano 2 nuovi ingressi in Piemonte che ottiene 5 Bandiere; il Friuli Venezia Giulia conferma le 2 dell’anno precedente. La Lombardia sale a 3 Comuni Bandiera Blu, con due nuovi ingressi, il Molise conquista 2 Bandiere con un nuovo Comune.

New entry Bandiera Blu 2023: Catanzaro (Calabria); Rocca Imperiale (Calabria); San Mauro Cilento (Campania); Gatteo (Emilia Romagna); Laigueglia (Liguria); Sori (Liguria); Sirmione (Lombardia); Toscano Maderno (Lombardia); Porto San Giorgio (Marche); Termoli (Molise); San Maurizio D’Opaglio (Piemonte); Verbania (Piemonte); Gallipoli (Puglia); Isole Tremiti (Puglia); Leporano (Puglia); Vieste (Puglia); Orbetello (Toscana). Comuni non riconfermati: Cattolica (Emilia Romagna).

“Anche quest’anno registriamo un notevole incremento dei Comuni che hanno ottenuto il riconoscimento della Bandiera Blu, ben 226 con 17 nuovi ingressi - ha dichiarato Claudio Mazza, presidente della Fondazione Fee Italia - Una progressione che cresce di anno in anno: basti pensare che nel 1987, primo anno, i Comuni Bandiera Blu in Italia sono 37, nel 1997 arrivano a 48, nel 2007 a 97, nel 2017 diventano 164, fino ad arrivare a oggi, con sempre più località che si avvicinano al percorso facendo una chiara scelta di campo per la sostenibilità. I Comuni Bandiere Blu rappresentano circa un quarto di tutte le spiagge italiane. Parliamo di eccellenze del turismo nazionale che possono contare su una strategia articolata e su una visione che non tralascia alcun elemento presente sul territorio".

Qui Riccione

“E’ con grande orgoglio che possiamo annunciare che a Riccione è stata confermata la Bandiera Blu”. Lo dicono la sindaca e assessora al Turismo Daniela Angelini e l’assessore all’Ambiente Christian Andruccioli. Il riconoscimento della Fee (Foundation for Environmental Education), premia principalmente la qualità delle acque del mare, che devono risultare eccellenti, ma tiene anche conto di numerosi requisiti tra cui la depurazione delle acque reflue, la gestione dei rifiuti e i servizi in spiaggia.

“Si tratta di un prestigioso riconoscimento che non va soltanto all'amministrazione comunale - aggiungono - ma soprattutto al sistema città, a tutti gli operatori che contribuiscono a garantire un elevato standard della nostra offerta turistica, sia per accoglienza ma anche per rispetto dell’ambiente, promuovendo buone pratiche di sostenibilità ambientale”.

Qui Misano

“Vederci confermati, da oltre trent’anni, questo riconoscimento è motivo di grande soddisfazione – commenta il sindaco Fabrizio Piccioni – e testimonia il grande lavoro che è stato fatto dalle amministrazioni che si sono succedute negli anni, in particolare sullo sdoppiamento delle reti fognarie. Alla qualità delle acque, che è sempre un requisito fondamentale, si sono aggiunti negli ultimi anni altri criteri, ai quali riusciamo a rispondere positivamente anche grazie alla collaborazione degli imprenditori turistici”.

“Le attente politiche di salvaguardia del territorio e dell’ambiente ci hanno consentito di confermare questo importante riconoscimento – aggiunge l’assessore all’ambiente Nicola Schivardi -. Continueremo a lavorare, con la collaborazione di tutti, per il consolidamento di questo obiettivo”.

Come tradizione, la Bandiera Blu sarà issata a giugno davanti a turisti e autorità.

Le principali notizie

Sesso in caserma, sentinella accusata di aver stuprato una donna

Madre violenta: "Vi taglio la gola nel sonno". Nonna e nipote costretti a fuggire di casa

Pnrr dai progetti ai cantieri, le prime opere a partire i tre nuovi asili nido e la piscina di Viserba

Occupazione abusiva delle ex colonie, scoperti due uomini con una ragazza minorenne

sindaca Angelini, assessore Andruccioli

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ufficializzate nove bandiere blu in Emilia Romagna, a Cattolica non viene rinnovato il riconoscimento

RiminiToday è in caricamento