rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
WeekEnd

Fine settimana con la Festa della Donna, l'Antica Fiera di San Gregorio e il Festival dell'Oriente

Appuntamenti enogastronomici e fieristici, Giornata Internazionale dei diritti della Donna, ma anche mostre e incontri

Il fine settimana della città e dei territori dell'entroterra è più ricco e variegato che mai, sono tanti gli appuntamenti da non perdere e tra cui scegliere. Nell'entroterra, l'Antica Fiera di San Gregorio ravviverà la cittadina di Morciano di Romagna, ma spazio anche a manifestazioni enogastronomiche, mostre, appuntamenti a teatro, passeggiate tra i luoghi cari a Fellini e quelli più suggestivi che impreziosiscono il territorio. Scopriamo insieme l’offerta per il fine settimana, dal centro città senza tuttavia trascurare i borghi dell’entroterra.

Giornata internazionale della donna

In occasione della Giornata Internazionale dei diritti della Donna di mercoledì 8 marzo, la città di Rimini promuove alcune iniziative per ricordare sia le conquiste sociali, economiche e politiche, ma anche le discriminazioni di cui sfortunatamente le donne sono ancora oggetto. A partire da giovedì 2 marzo, il ricco cartellone di eventi  "L’otto sempre" porterà in città incontri, mostre e riflessioni attraverso i quali addentrarci e sostenere l'universo femminile. In programma, venerdì 8 marzo la presentazione del libro “Libera Libere. Pensieri e pratiche femministe su tratta, violenza, sfruttamento”. Un'occasione tramite la quale, le autrici Laura Gagliardi, Ines Rielli e Irene Strazzeri affronteranno presso gli spazi della Biblioteca Civica Gambalunga, il delicato e "insidioso" tema della tratta e dello sfruttamento delle donne, rese schiave e costrette a subire violenze sessuali e/o lavorative. Attraverso “Libera”, le autrici intendono levare il proprio "grido" contrario alla visione e concezione secondo la quale la violenza sulle donne riguarda le donne, la tratta riguarda le straniere, la prostituzione riguarda le prostitute, lo sfruttamento riguarda le povere; il tutto lontano da noi, dal nostro quotidiano.

Ma non è tutto. Nel pomeriggio di sabato 9 marzo, l'intera città è pronta ad indossare abbigliamento sportivo e scarpe da ginnastica, per mettersi in marcia a favore della Camminata degli uomini contro la violenza sulle donne. Un'occasione o meglio un’esortazione rivolta a tutti gli uomini a prendere posizione in prima persona contro ogni forma di disparità tra uomo e donna, e contro ogni espressione di discriminazione e violenza di genere. Camminare insieme per diffondere un segnale forte, autentico, e non soltanto simbolico al fine di ottenere una reale e concreta parità, all’insegna del dialogo e del rispetto, nella quotidianità dei gesti, dei comportamenti, delle parole.

In tutta risposta all'offerta di Rimini, il fine settimana di Santarcangelo è ricco di appuntamenti tra i quali potere scegliere ed intrattenersi in occasione della "Celebrazione Rosa". Per l'occasione, infatti, a partire da venerdì 8 e fino al 20 marzo attraverso la rassegna “Votes for Women! Santarcangelo per le Donne”, la città sarà scandita da un susseguirsi di appuntamenti tra incontri in biblioteca, approfondimenti e spunti di riflessione attraverso i quali evidenziare le difficoltà ed insidie esistenti nella lotta per l'ottenimento dell'emancipazione, dell'affermazione personale e dei condizionamenti sociali.

Incontri & Manifestazioni

Nell'entroterra, la cittadina di Morciano di Romagna sarà animata per nove giornate dall’Antica Fiera di San Gregorio: esposizione campionaria di prodotti dell'agricoltura, dell'artigianato e dell'industria, dell’agroalimentare, del commercio e dei servizi. Per l'occasione, a partire da sabato 9 marzo il centro città sarà affolato da stand dedicati al commercio ambulante e allo street food, giostre, attrazioni, mostre di piante e fiori, macchine agricole ed industriali, mentre nelle osterie temporanee e nei ristoranti sarà possibile degustare le eccellenze dell'enogastronomia locale. Da non perdere gli spettacoli serali all'Auditorium della Fiera, che spazieranno dalla musica al teatro passando per gli spettacoli comici e le commedie dialettali, così come l'esposizione campionaria presso il padiglione fieristico di via XXV Luglio.

Spazio anche agli appuntamenti in musica. Infatti, nella serata di sabato 9 marzo, l'Auditorium della Fiera ospiterà all'interno dei propri spazi le sonorità ed il talento del cantautore Filippo Graziani che raggiungerà il palcoscenico della struttura "Per gli amici". Un'occasione per celebrare in musica il celebre cantautore (e padre dell'artista) Ivan Graziani; una sorta di dialogo tra padre e figlio, in grado di superare il confine del tempo, un viaggio emozionale, una celebrazione della vita e dell'arte dello scomparso Ivan Graziani e che porterà ad immergersi in un'esperienza musicale senza precedenti, spaziando tra i brani senza tempo "cari ad Ivan" e quelli più recenti di Filippo Graziani, eseguiti per la prima volta dal vivo. 

Nel fine settimana, spazio a Rimini al ricco calendario di iniziative per i ritrovati spazi dell’ex cinema Astoria, all'interno del progetto "Ritorno all'Astoria", tra laboratori, workshop, spettacoli, corsi, mostre e svariate tipologie di attività.

Il quartiere fieristico della città, nelle giornate di sabato 9 e domenica 10 marzo manterrà ancora le connotazioni orientali assunte in occasione de "Festival dell'Oriente", pronto ad accogliere all'interno dei propri spazi coloro che vorranno concedersi del tempo scandito da danze tipiche, esibizioni, cerimonie tradizionali, mostre, attività e tanto altro. Un’occasione attraverso la quale sarà possibile entrare in contatto con l'energia, la bellezza ed il fascino del mondo orientale; in cui tradizione e modernità si fondono, tra colori, musiche e profumi di terre lontane.

Ma non è tutto. La città di Rimini, traboccante della ricchezza cinematografica e storica di cui è stata protagonista attraverso le produzioni cinematografiche del Maestro Fellini, all'interno della cornice della Cineteca Comunale ospiterà a partire da sabato 2 e fino a sabato 16 marzo il laboratorio "Immagine – Etica ed estetica": un'opportunità (aperta a tutti, non è necessario un background cinematografico) attraverso la quale "accendere i riflettori" sul cinema e in maniera particolare la comprensione e costruzione delle immagini. L'incontro del fine settimana sarà incentrato attorno all’osservazione e alla lettura di alcuni quadri, la loro composizione, la loro struttura e la loro rappresentazione. Da Kandinskij a Caravaggio, passando per De Chirico e Paolo Uccello. Ma si approderà anche all’analisi delle immagini brevi che oggi affollano i social e nella pubblicità. Si lavorerà sul concetto di composizione, sui rapporti spaziali all’interno di una struttura portante: immagini durature che sappiano tenere lo sguardo di chi le vive e le legge.

Spostandoci nell'entroterra, domenica 10 marzo calerà il sipario al Museo Archeologico di Verucchio sugli appuntamenti de "Il Direttore racconta", il ciclo di incontri attraverso i quali andare alla scoperta dei tesori della città ed incentrati in maniera particoalre attorno alle ricchezze culturali e storiche custoditi tra gli spazi della struttura e appartenenti alla civiltà villanoviana. A tal proposito, l'appuntamento del fine settimana graviterà attorno ad un approfondimento sulle donne villanoviane del tempo e condurrà i "curiosi" partecipanti “Lungo il filo del sacro. Donne e sacerdotesse nel mondo villanoviano”.

Appuntamento a teatro

Spazio nel fine settimana di Rimini all'opportunità di trascorrere del tempo piacevole a teatro. In occasione della Giornata Internazionale dei diritti della Donna, venerdì 8 marzo gli spazi del Teatro degli Atti sono pronti ad accogliere il talento della Compagnia Patalò che per l'occasione, porterà sul palcoscenico della struttura "Ariel", uno spettacolo attraverso il quale un susseguirsi di attrici ed attori di età differenti "accenderà i riflettori" su “il corpo come materia vivente” e la “sfera del nascere” come sigillo della complicità delle donne con la natura. Una costellazione di immagini raccolte negli anni attorno alle esperienze della maternità, della fragilità, della violenza ostetrica. La scena teatrale accoglierà le immagini creandole, là dove la lingua del corpo è intensa, dove la voce cerca la musicalità della lingua materna.

Ti piacerebbe trascorrere qualche ora piacevole tra gastronomia, arte e cultura? Da non perdere anche l’aperitivo a teatro. Il Teatro Galli infatti, è tornato a risplendere e all'interno del suo foyer, al Bar del Grifone, presso il quale è possibile gustare sfiziosi aperitivi godendo di un'atmosfera unica. 

In tutta risposta all'offerta della città di Rimini, anche Verucchio è pronto ad intrattenere e divertire i propri cittadini in occasione della Giornata Internazionale della Donna; a tal proposito, nella serata di venerdì 8 marzo il Teatro Eugenio Pazzini ospiterà le sonorità di Clarissa Vichi che raggiungerà il palcoscenico della struttura per celebrare in musica le "graffianti" musiciste blues e rock, Janis Joplin e Amy Winehouse. Un'occasione per commemorare due figure femminili che attraverso la propria musica hanno influenzato un’intera epoca e accomunate (oltre dalla bellezza e dalla potenza della voce), l'esistenza tormentata e prematura morte all’età di 27 anni.

Al Museo della Regina di Cattolica, proseguono gli appuntamenti per grandi e piccini con MuseoDì: un'iniziativa dedicata interamente a bambini e famiglie, durante la quale potere sperimentare insieme agli operatori didattici del Museo della Regina divertenti attività laboratoriali e ludiche. Nella giornata di domenica 10 marzo, infatti, sarà la volta del laboratorio "Bello come un Neanderthal”; un'occasione per andare alla scoperta del famigerato uomo di Neanderthal, del quale verrano svelati i segreti e significati simbolici.

Appuntamento al cinema

Il "borbottare" della caffettiera sopra ai fornelli, l'espandersi per casa dell'aroma di caffè, il fragante e avvolgente profumo di brioches appena sfornate. La colazione è un rituale o meglio una coccola irrinunciabile, a casa, al bar o al lavoro. E perchè non al cinema? Il Cinema Fulgor di Rimini infatti, propone “Colazione e film”: la visione di grandi classici accompagnati da una deliziosa colazione offerta all'interno del suo foyer.

Escursioni e visite guidate

Per proseguire l'anno nel migliore dei modi c'è soltanto una cosa da fare... Immergersi nella bellezza.

Sono numerose le opportunità di visite guidate in città all’insegna dell’arte e della cultura per il fine settimana. A tal proposito, nella giornata di domenica 10 marzo, a Rimini, sarà possibile immergersi in un percorso alla scoperta del Teatro Amintore Galli, situato in Piazza Cavour. La visita guidata consentirà a coloro che parteciperanno, poterne ammirare il foyer, la platea e lo splendido ridotto, immergendosi così in un percorso sul filo del racconto della storia del Teatro ottocentesco. L'imponente struttura, progettata dall’architetto modenese Luigi Poletti e inaugurata nel lontano 1857 dal compositore Giuseppe Verdi, è stato anche oggetto e bersaglio di alcune burrascose vicende del XX secolo e di alcuni dibattiti al tempo della Ricostruzione, ma anche luogo di ritrovo e frequentazione degli artisti e delle personalità della città di fine Ottocento e durante l'età della Belle Époque.

Ma non è tutto; per scoprire le bellezze del centro storico di Rimini è possibile scegliere tra differenti proposte che ci condurranno in percorsi insoliti, passando per quartieri meno conosciuti. Spaziando da Castel Sismondo, al Fellini Museum, alla Domus del Chirurgo, il Teatro Galli, i Part (Palazzi dell’Arte Rimini) e percorsi serali in città.

Mostre

Nel fine settimana ampio spazio anche alla bellezza e alla cultura artistica. Sono numerose le mostre a Rimini e provincia da visitare e ammirare.

A Rimini, un’esposizione permanente con l’ambizione di diventare per il pubblico di tutto il mondo, il luogo dove potere incontrare e riscoprire l’universo inimitabile di Federico Fellini. "Fellini Museum" è, infatti, il più grande progetto museale dedicato al regista riminese che coniuga la poesia del cinema felliniano con le tecnologie e lescelte urbanistiche più innovative. Un museo diffuso su tre spazi: CastelSismondo, Piazza Malatesta, la grande area urbana con porzioni a verde, arene per spettacoli, installazioni artistiche come il Bosco dei nomi e il Palazzo del Fulgor, dove a piano terra ha sede il cinema, mentre i piani superiori sono spazi deputati all’informazione, allo studio e alla ricerca con l’Archivio digitale, la stanza delle parole, il Cinemino, il Convivio, mentre altre visioni felliniane si succedono al terzo piano. Un Museo dell’immaginario che interpreta il cinema del regista non come opera in sé conclusa, ma come chiave del “tutto si immagina”.

Spostandoci presso Castel Sismondo, fino a domenica 10 marzo gli spazi della Sala Isotta ospiteranno la mostra “I fumetti e la Shoah. L’immagine al servizio della memoria”: un'occasione per indagare le atrocità inferte alla popolazione ebraica da parte del Terzo Reich al tempo della Seconda Guerra Mondiale, attraverso l'esposizione di oltre 200 comics, manga ed albi illustrati e in maniera particolare tramite le figure di Capitan America e Topolino, le avventure del fattorino belga Spirou oppure il giornalino fascista "Il Balilla" e tante altre pubblicazioni. La mostra, inoltre, si pone anche come un approfondimento sui fumetti durante il Regime Fascista.

Ma non è tutto, poichè in città a partire da venerdì 2 febbraio troverà spazio presso il Palazzo del Fulgor la mostra "Lilian the Fighter": un'accurata selezione di circa 30 disegni provenienti dalla collezione della scrittrice e sceneggiatriche Liliana Betti, nonchè storica collaboratrice del Maestro Fellini. Un lungo sodalizio professionale e umano legò i due artisti per oltre vent’anni. Capace di fronteggiare il "particolare" carattere di Fellini, Lilian the Fighter, così la chiama affettuosamente il celebre regista, Liliana Betti contribuì alla nascita di 8 ½, Giulietta degli spiritiToby DammitIl Casanova di Federico Fellini fino a La città delle donne, che la vede per l’ultima volta sul set con il Maestro Fellini nel 1980. La maggior parte dei disegni sono schizzi realizzati probabilmente sul set, nelle pause fra un ciak e l’altro, con fumetti e scritte scherzose che esprimono simpatia, confidenza, affetto e stima e offrono una visione non solo del mondo degli affetti privati di Fellini, ma anche della grande importanza che aveva il disegno nel suo processo creativo.

A Riccione, fino a lunedì 1 aprile gli spazi di Villa Franceschi ospiteranno Turbolenta, una mostra attraverso la quale indagare il rapporto esistente tra società e alimentazione. Un percorso sensoriale ed interattivo tramite il quale andare alla scoperta dei molteplici significati culturali e simbolici che il cibo assume nel nostro contesto sociale, attraverso un linguaggio ibrido che parte dal mosaico ed incontra installazioni, sculture e nuovi media. Il percorso espositivo all'interno del quale i partecipanti potranno immergersi sarà volto alla comprensione dei molteplici significati culturali e simbolici che il cibo assume nel nostro contesto sociale tra una ricerca di cibo “sano”, ecologicamente prodotto e perciò “antico” e intriso di memoria ed il cibo all'interno della propria realtà odierna: confezionato e standardizzato dai macchinari industriali. Un percorso interattivo, accompagnato da sonorizzazioni e video, che permette al visitatore di ampliare la modalità di fruizione dell’opera d’arte, dalla semplice osservazione alla ricreazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fine settimana con la Festa della Donna, l'Antica Fiera di San Gregorio e il Festival dell'Oriente

RiminiToday è in caricamento